Home /

Sperimentazione tariffaria pompe di calore

Il 1 luglio 2014 l'Autorità ha introdotto la tariffa ''D1'', applicabile a livello sperimentale e su base volontaria, ai soli clienti domestici che riscaldano la propria casa utilizzando esclusivamente pompe di calore elettriche.
La tariffa di rete D1 era dedicata solo a clienti domestici caratterizzati da un alto livello di efficienza energetica, prevedeva che il prezzo di ogni kWh consumato fosse costante, cioè indipendente dai consumi annui totali, e poteva essere applicata alle forniture di energia elettrica con contratti sia di mercato libero sia di maggior tutela per l'abitazione di residenza.
L'intervento tariffario aveva l'obiettivo di ridurre i costi di esercizio delle pompe di calore ed era finalizzato ad obiettivi generali di allineamento delle tariffe ai costi, utilizzo razionale delle risorse e promozione delle iniziative di efficienza energetica e sviluppo delle fonti rinnovabili.

La possibilità di aderire alla sperimentazione ‘tariffa D1' è terminata a fine 2016.
La tariffa è rimasta in vigore fino al 1 gennaio 2020, quando si è pienamente completata la riforma della tariffa elettrica domestica.


Atti di riferimento

Provvedimenti per disciplinare lo svolgimento della sperimentazione tariffaria per clienti domestici con pompe di calore elettriche:
Precedentemente a tali provvedimenti erano stati pubblicati i seguenti atti, che ne costituiscono i presupposti: