Cerca |  Contatti |  English   

Enti controllati

Enti pubblici vigilati

L'art. 22, comma 1, lett. a), del D.Lgs. 33/2013 prescrive che ciascuna amministrazione pubblichi e aggiorni annualmente "l'elenco degli enti pubblici istituiti, vigilati e finanziati dall'amministrazione medesima ovvero per i quali l'amministrazione abbia il potere di nomina degli amministratori dell'ente, con l'elencazione delle funzioni attribuite e delle attività svolte in favore dell'amministrazione o delle attività si servizio pubblico affidate".
L'Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico è sottoposta agli obblighi di pubblicazione di cui sopra con riguardo alla Cassa per i servizi energetici e ambientali (CSEA), già Cassa Conguaglio del Settore Elettrico.


Società partecipate


L'art. 22, comma 1, lett. b), del D.Lgs. 33/2013 prescrive che ciascuna amministrazione pubblichi e aggiorni annualmente "l'elenco delle società di cui detiene direttamente quote di partecipazione anche minoritaria indicandone l'entità, con l'indicazione delle funzioni attribuite e delle attività svolte in favore dell'amministrazione o delle attività di servizio pubblico affidate".
L'Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico non ha mai costituito società, né acquisito partecipazioni, neppure minoritarie, in società già esistenti.
Conseguentemente, per l'Autorità non sussiste alcun obbligo di pubblicazione di dati relativi ai soggetti di cui al summenzionato art. 22, comma 1, lettera b).


Enti di diritto privato controllati


L'art. 22, comma 1, lett. c), del D.Lgs. 33/2013 prescrive che ciascuna amministrazione pubblichi e aggiorni annualmente "l'elenco degli enti di diritto privato, comunque denominati, in controllo dell'amministrazione, con l'indicazione delle funzioni attribuite e delle attività svolte in favore dell'amministrazione o delle attività di servizio pubblico affidate".
L'Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico non è investita della funzione di controllo nei confronti di enti di diritto privato, né esercita "influenza dominante" su alcuno di essi.
Pertanto, per l'Autorità non sussiste alcun obbligo di pubblicazione di dati relativi ai soggetti di cui al richiamato art. 22, comma 1, lettera c).



Aggiornamento 1 febbraio 2016