Cerca |  Contatti |  English   

Documenti collegati

Atti

Provvedimenti

pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 13 maggio 2011

Delibera ARG/gas 58/11

Disposizioni urgenti per l’estensione della deroga alla deliberazione dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas 18 marzo 2004, n. 40/04 in tema di sicurezza post contatore gas nei comuni danneggiati dagli eventi sismici che hanno colpito la regione Abruzzo il giorno 6 aprile 2009 di cui alle deliberazioni dell’Autorità 2 settembre 2009, ARG/gas 116/09 e 17 maggio 2010, ARG/gas 69/10

L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 12 maggio 2011

Visti:
  • la legge 6 dicembre 1971, n. 1083;
  • la legge 5 marzo 1990, n. 46;
  • la legge 14 novembre 1995, n. 481;
  • la legge 23 agosto 2004, n. 239;
  • la legge 26 febbraio 2007, n. 17, di conversione del decreto legge 28 dicembre 2006, n. 300;
  • la legge 28 febbraio 2008, n. 31, di conversione del decreto legge 31 dicembre 2007, n. 248;
  • il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164;
  • il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 22 gennaio 2008, n. 37/08;
  • il decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri 16 aprile 2009, n. 3;
  • il decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri 17 luglio 2009, n. 11;
  • la deliberazione dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas (di seguito: Autorità) 18 marzo 2004, n. 40/04 e successive modifiche ed integrazioni (di seguito: deliberazione n. 40/04);
  • la deliberazione dell'Autorità 2 settembre 2009, ARG/gas 116/09 (di seguito: deliberazione ARG/gas 116/09);
  • l'Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri 22 dicembre 2009, n. 3833/2009 (di seguito: O.P.C.M. n. 3833/09);
  • la lettera della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Protezione civile, del 12 maggio 2010 (Prot. 018812 del 13 maggio 2010) (di seguito: lettera del 12 maggio 2010);
  • la deliberazione dell'Autorità 17 maggio 2010, ARG/gas 69/10 (di seguito: deliberazione ARG/gas 69/10);
  • la lettera del Commissario vicario delegato per la Ricostruzione della Regione Abruzzo, del 2 maggio 2011 (Prot. Autorità 012139 del 3 maggio 2011) (di seguito: lettera del 2 maggio 2011);
  • la lettera del Presidente dell'Autorità, del 6 maggio 2011 (Prot. Autorità 012564 di pari data);
  • la lettera del Commissario vicario delegato per la Ricostruzione della Regione Abruzzo, del 9 maggio 2011 (Prot. Autorità 012755 di pari data);
  • la comunicazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Protezione civile, del 9 maggio 2011 (Prot. Autorità 012838 del 10 maggio 2011) (di seguito: comunicazione del 9 maggio 2011).
Considerato che:
  • con la deliberazione n. 40/04 l'Autorità ha emanato il regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza a gas (di seguito: regolamento);
  • il regolamento stabilisce tra l'altro che, per i nuovi impianti, il cliente finale consegni al distributore la documentazione tecnica obbligatoria per consentire l'effettuazione dell'accertamento documentale della sicurezza dell'impianto di utenza prima della sua attivazione;
  • i decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 3 del 16 aprile 2009 e n. 11 del 17 luglio 2009 individuano i comuni danneggiati dagli eventi sismici che hanno colpito la regione Abruzzo il giorno 6 aprile 2009;
  • gli interventi di ricostruzione ancora in atto comportano la necessità di attivare la fornitura di gas ai nuovi impianti di utenza;
  • in fase di prima attuazione, al fine di garantire un graduale impatto degli effetti derivanti dall'adozione del regolamento, la deliberazione n. 40/04 ha consentito ai distributori di gas di attivare le nuove forniture di gas anche in assenza di accertamento documentale previa acquisizione del modulo di cui all'allegato E, compilato nella sezione pertinente e firmato dall'installatore;
  • la situazione di emergenza nei comuni danneggiati dagli eventi sismici che hanno colpito la regione Abruzzo il giorno 6 aprile 2009 rende ancora oggi problematica la possibilità per i clienti finali di adempiere in tempi rapidi a tutti gli obblighi previsti dal regolamento;
  • la modalità provvisoria per l'attivazione della fornitura adottata in fase di prima attuazione del regolamento è idonea a garantire una attivazione in tempi rapidi nel rispetto delle esigenze di sicurezza;
  • l'Autorità, con la deliberazione ARG/gas 116/09, ha stabilito che, fino al 30 aprile 2010, i distributori di gas potessero attivare le nuove forniture di gas nei comuni individuati dai decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 3 del 16 aprile 2009 e n. 11 del 17 luglio 2009 anche in assenza di accertamento documentale previa acquisizione del modulo di cui all'allegato E, compilato nella sezione pertinente e firmato dall'installatore;
  • il Dipartimento della Protezione civile, con lettera del 12 maggio 2010, ha segnalato che la fase di prima emergenza non risultava ancora esaurita e si ravvisava quindi la necessità di assicurare che la procedura consentita dalla deliberazione ARG/gas 116/09 fosse prorogata almeno fino al 31 dicembre 2010;
  • l'Autorità, con la deliberazione ARG/gas 69/10, sulla base di quanto segnalato dal Dipartimento sopra citato, ha esteso la deroga a quanto disposto dalla deliberazione n. 40/04 per i comuni individuati dai decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 3 del 16 aprile 2009 e n. 11 del 17 luglio 2009, disponendo che, fino al 30 aprile 2011, la fornitura di gas agli impianti di utenza di cui al Titolo II della medesima deliberazione fosse attivata previa acquisizione del modulo di cui all'allegato E alla stessa deliberazione, compilato nella sezione pertinente e firmato dall'installatore, fatto pervenire dal cliente finale al distributore;
  • il Commissario vicario delegato per la Ricostruzione della Regione Abruzzo ai sensi dell'O.P.C.M. n. 3833/09 ha segnalato, con lettera del 2 maggio 2011, che la fase di prima emergenza non risultava ancora esaurita e si ravvisava quindi la necessità di assicurare che la procedura consentita dalla deliberazione ARG/gas 69/10 fosse prorogata per il tempo necessario al superamento dell'emergenza;
  • il Dipartimento della Protezione civile, con comunicazione del 9 maggio 2011, ha segnalato che la fase di prima emergenza non risultava ancora esaurita, ed in seguito ad ulteriori interventi realizzativi inerenti l'edificazione di strutture di emergenza nelle zone colpite dal sisma, di competenza della sopra citata Protezione civile, si ravvisava la necessità di assicurare che la procedura consentita dalla deliberazione ARG/gas 69/10 fosse prorogata almeno fino al 31 dicembre 2011.
Ritenuto che:
  • sulla base di quanto segnalato dal Commissario vicario delegato per la Ricostruzione della Regione Abruzzo e dal Dipartimento della Protezione civile rispettivamente con lettera del 2 maggio 2011 e del 9 maggio 2011, perduri a tutt'oggi la situazione emergenziale e quindi sussistano le ragioni che hanno indotto l'Autorità ad emanare la deliberazione ARG/gas 69/10 di deroga alla deliberazione 18 marzo 2004, n. 40/04 in tema di sicurezza post contatore gas nei comuni danneggiati dagli eventi sismici che hanno colpito la regione Abruzzo il giorno 6 aprile 2009;

sia quindi necessario estendere la deroga al regolamento prevista dalla  predetta deliberazione al 30 aprile 2012, al fine di consentire, per un adeguato lasso di tempo, modalità semplificate per l'attivazione della fornitura ai nuovi impianti di utenza a gas realizzati nei comuni danneggiati dagli eventi sismici, pur nel rispetto delle esigenze di sicurezza e per l'intera stagione invernale 2011-2012

DELIBERA

  1. di prevedere che, in deroga a quanto disposto dalla deliberazione 18 marzo 2004, n. 40/04, per i comuni individuati dai decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 3 del 16 aprile 2009 e n. 11 del 17 luglio 2009, fino al 30 aprile 2012 la fornitura di gas agli impianti di utenza di cui al Titolo II della deliberazione 18 marzo 2004, n. 40/04 è attivata previa acquisizione del modulo di cui all'allegato E alla stessa deliberazione, compilato nella sezione pertinente e firmato dall'installatore, fatto pervenire dal cliente finale al distributore;
  2. di prevedere che la deroga di cui al punto 1. si applichi anche alle richieste di attivazione della fornitura pervenute tra l'1 maggio 2011 e la data di entrata in vigore del presente provvedimento;
  3. di pubblicare il presente provvedimento sul sito internet dell'Autorità (www.autorita.energia.it).

12 maggio 2011

Il Presidente
Guido Bortoni