Cerca |  Contatti |  English   

Allegati

Documenti collegati

Provvedimenti

pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 29 ottobre 2009

Delibera ARG/elt 151/09

Determinazione dei livelli di partenza e dei livelli tendenziali di continuità del servizio di distribuzione di energia elettrica per ogni ambito territoriale e per ogni anno del periodo di regolazione 2008-2011 ai sensi del punto 6 della deliberazione 19 giugno 2009, ARG/elt 76/09

L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 27 ottobre 2009

Visti:

  • la legge 14 novembre 1995, n. 481;
  • l'Allegato A alla deliberazione dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas (di seguito: l'Autorità) 19 dicembre 2007, n. 333/07, recante il Testo integrato della regolazione della qualità dei servizi di distribuzione, misura e vendita dell'energia elettrica per il periodo di regolazione 2008-2011 (di seguito: Testo Integrato) e successive modificazioni ed integrazioni;
  • la deliberazione dell'Autorità 25 novembre 2008, ARG/elt 168/08 recante "Determinazione dei livelli di partenza e dei livelli tendenziali di continuità del servizio di distribuzione di energia elettrica per ogni ambito territoriale e per ogni anno del periodo di regolazione 2008-2011 ai sensi dell'articolo 21 del Testo integrato della regolazione della qualità dei servizi elettrici approvato con deliberazione 19 dicembre 2007, n. 333/07" (di seguito: delibera ARG/elt 168/08);
  • la deliberazione dell'Autorità 19 giugno 2009, ARG/elt 76/09 recante "Modificazioni all'Allegato A alla deliberazione dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas 19 dicembre 2007, n. 333/07, differimento dei termini rilevanti ai fini della chiusura del procedimento di cui al comma 22.4 di cui allo stesso Allegato A per l'anno 2008 e differimento dei termini di cui al punto 2 della deliberazione dell'Autorità 25 novembre 2008, ARG/elt 168/08" (di seguito: delibera ARG/elt 76/09);
  • la lettera di A2A Reti Elettriche S.p.a., prot. ARL 00098 P, del 6 maggio 2009 (prot. Autorità 25518 del 12 maggio 2009).

Considerato che:

  • l'articolo 21 del Testo Integrato prevede che l'Autorità determini i livelli tendenziali di continuità del servizio per gli anni 2008-2011;
  • la delibera ARG/elt 168/08:
    • al punto 1 ha determinato i livelli tendenziali per gli anni 2008-2011 per ciascun ambito territoriale delle imprese distributrici che alla data del 31 dicembre 2006 servivano un numero di clienti BT superiore a 5.000 e che nel periodo di regolazione 2004-2007 hanno avuto almeno un ambito territoriale soggetto alla regolazione della durata della interruzioni, come indicato nelle tabelle 1, 2 e 3 ad essa allegate;
    • al punto 2 ha rinviato a successivo provvedimento, da adottarsi entro il 31 luglio 2009, la determinazione dei livelli tendenziali per gli anni 2009-2011 per le imprese distributrici di cui all'articolo 30, comma 30.1, del Testo Integrato che hanno optato per l'utilizzo dei livelli triennali degli indicatori di continuità in luogo di quelli biennali, fissando al 31 maggio 2009 il termine per l'invio dei dati di continuità relativi al triennio 2006-2008;
  • la delibera ARG/elt 76/09:
    • ha approvato modifiche ed integrazioni al Testo Integrato in materia di esclusione delle interruzioni nei periodi di condizioni perturbate e ha differito i termini rilevanti ai fini della chiusura del procedimento per la continuità del servizio relativo all'anno 2008, nonché i termini di cui al punto 2 della delibera ARG/elt 168/08;
    • ha disposto il ricalcolo dei livelli di partenza e dei livelli tendenziali per il periodo di regolazione 2008-2011 già determinati con la delibera ARG/elt 168/08, al fine di garantire la coerenza dell'intervento regolatorio da essa effettuato ed ha rinviato ad un successivo provvedimento, da adottarsi entro il 31 ottobre 2009, la rideterminazione di tali livelli di partenza e tendenziali;
    • ha fissato il termine del 31 luglio 2009 per la comunicazione dei dati di continuità del servizio, relativamente agli anni 2006 e 2007, per le imprese distributrici che alla data del 31 dicembre 2006 servivano un numero di clienti BT superiore a 5.000 e che nel periodo di regolazione 2004-2007 hanno avuto almeno un ambito territoriale soggetto alla regolazione della durata della interruzioni;
    • ha fissato il termine del 15 settembre 2009 per la comunicazione dei dati di continuità del servizio, relativamente agli anni 2006, 2007 e 2008, per le imprese distributrici di cui al comma 30.1 del Testo Integrato che hanno optato per l'utilizzo dei livelli triennali degli indicatori di continuità in luogo di quelli biennali;
  • le seguenti imprese distributrici hanno comunicato all'Autorità entro i termini previsti dalla delibera ARG/elt 76/09 i dati necessari per la determinazione dei livelli di partenza e dei livelli tendenziali sulla base dei livelli biennali degli indicatori di riferimento; per tali imprese la regolazione incentivante della durata e del numero delle interruzioni senza preavviso, di cui al Titolo 4, Parte I, del Testo Integrato, decorre dall'anno 2008 sulla base dei dati di continuità del biennio 2006-2007:
    1. A.E.M. GESTIONI S.r.l., viale Trento e Trieste 38, 26100 Cremona;
    2. A.I.M. SERVIZI A RETE S.r.l., contrà Pedemuro San Biagio 72, 36100 Vicenza (di seguito: AIM VICENZA);
    3. A.I.R. - AZ. INTERCOMUNALE ROTALIANA S.p.A., Via Milano 10, 38017 Mezzolombardo;
    4. A2A RETI ELETTRICHE S.p.a., via Lamarmora 230, 25124 Brescia;
    5. ACEA DISTRIBUZIONE S.p.A., piazzale Ostiense 2, 00154 Roma;
    6. ACEGAS-APS S.p.A., via Maestri del Lavoro 8, 34123 Trieste;
    7. AEM TIRANO S.p.A., Viale Garibaldi 12, 23037;
    8. AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A., via Bertola 48, 10122 Torino;
    9. AGSM DISTRIBUZIONE S.r.l., lungadige Galtarossa 8, 37133 Verona;
    10. AMAIE S.p.A., via Armea 96, 18038 Sanremo;
    11. AMET S.p.A., p.zza del Plebiscito 20, 70059 Trani;
    12. ASM TERNI S.p.A., strada Maratta Bassa 52/A, 05100 Terni (di seguito: ASM TERNI);
    13. ASM VOGHERA S.p.A., via Pozzoni 2, 27058 Voghera (di seguito: ASM VOGHERA);
    14. ATENA S.p.A., corso Palestro 126, 13100 Vercelli;
    15. AZIENDA ENERGETICA RETI S.p.A.,via Dodiciville 8, 39100 Bolzano (di seguito: AE-EW BOLZANO);
    16. AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO, anello Nord 19, 39031 Brunico;
    17. AZIENDA SERVIZI DI BRESSANONE S.p.A., via Alfred Ammon 24, 39042 Bressanone;
    18. AZIENDA SONDRIESE MULTISERVIZI S.P.A., Via Ragazzi del '99 19, 23100 Sondrio;
    19. DEVAL S.p.A., via B. Festaz 42, 11100 Aosta (di seguito: DEVAL AOSTA);
    20. ENEL DISTRIBUZIONE S.p.A., via Ombrone 2, 00198 Roma (di seguito: ENEL DISTRIBUZIONE);
    21. ENÌA S.p.A., Strada S, Margherita, 6/A, 43100 Parma;
    22. GELSIA RETI S.r.l., via Palestro 33, 20038 Seregno;
    23. HERA S.p.A., via C. Berti Pichat 2/4, 40100 Bologna;
    24. IRIS S.P.A., Via IX Agosto 15, 34170 Gorizia;
    25. SET DISTRIBUZIONE S.p.A. via Manzoni 24, 38068 Rovereto, (di seguito: SET DISTRIBUZIONE);
  • le seguenti imprese distributrici hanno comunicato di avvalersi della facoltà concessa dall'articolo 30, comma 30.1, del Testo Integrato e hanno comunicato all'Autorità entro i termini previsti dalla delibera ARG/elt 76/09 i dati necessari per la determinazione dei livelli di partenza e dei livelli tendenziali sulla base dei livelli triennali degli indicatori di riferimento; per tali imprese la regolazione incentivante della durata e del numero delle interruzioni senza preavviso, di cui al Titolo 4, Parte I, del Testo Integrato, decorre dall'anno 2009 sulla base dei dati di continuità del triennio 2006-2008:
    1. A.C.S.M. S.P.A.- AZ. CONSORZIALE SERVIZI MUNICIPALIZZATI, Via Angelo Guadagnini 31, 38054 Fiera di Primiero;
    2. A.S.S.M. S.P.A. - TOLENTINO, Corso Garibaldi 78, 62029 Tolentino;
    3. A.S.SE.M. S.P.A., Via C. Battisti, 1, 62027 San Severino Marche;
    4. ALTO GARDA SERVIZI S.P.A., Via Ardaro 27, 38066 Riva del Garda;
    5. ODOARDO ZECCA S.R.L., Via Costantinopoli 5, 66026 Ortona;
    6. S.I.E.C. SOC. COOP., Via Cappuccini 36, 23022 Chiavenna;
    7. S.I.P.P.I.C. S.P.A., Via Rossini 22, 80128 Napoli;
    8. S.MED.E. PANTELLERIA S.P.A., Viale Strasburgo 189, 90146 Palermo;
    9. SOC. ELETTRICA LIPARESE S.R.L., Via Francesco Crispi 86, 98055 Lipari (di seguito: SEL LIPARI);
    10. SOCIETA' ELETRICA IN MORBEGNO COOPERATIVA PER AZIONI, Vicolo Scenaia 3, 23017 Morbegno;
    11. SOCIETÀ NOLANA PER IMPRESE ELETTRICHE, Via Ottaviano Augusto 7, 80035 Nola (di seguito: SNIE NOLA);
    12. STET SPA - SERVIZI TERRITORIALI EST TRENTINO, Viale Venezia 2/e, 38057 Pergine Valsugana;
  • le seguenti imprese distributrici, ai sensi dell'articolo 23 del Testo Integrato, hanno dichiarato di avvalersi, per il periodo di regolazione 2008-2011 e per tutti i propri ambiti territoriali, del sistema di riduzione delle interruzioni con origini MT o BT attribuibili a cause esterne: AIM VICENZA, ASM TERNI, ASM VOGHERA, AE-EW BOLZANO, DEVAL AOSTA, ENEL DISTRIBUZIONE, SET DISTRIBUZIONE, SEL LIPARI, SNIE NOLA.

Ritenuto che:

  • sia necessario, per dare attuazione alla regolazione incentivante della durata e del numero delle interruzioni senza preavviso, di cui al Titolo 4, Parte I, del Testo Integrato procedere alla determinazione dei livelli di partenza e dei livelli tendenziali di continuità:
    • per ogni ambito territoriale e per ogni anno del periodo 2008-2011 per ogni impresa distributrice che alla data del 31 dicembre 2006 serviva un numero di clienti BT superiore a 5.000 e che nel periodo di regolazione 2004-2007 ha avuto almeno un ambito territoriale soggetto alla regolazione della durata della interruzioni e che ha comunicato all'Autorità i dati di continuità del biennio 2006-2007;
    • per ogni ambito territoriale e per ogni anno del periodo 2009-2011 per ogni impresa distributrice di cui all'articolo 30, comma 30.1, del Testo Integrato che ha optato per l'utilizzo dei livelli triennali degli indicatori di continuità in luogo di quelli biennali e che ha comunicato all'Autorità i dati di continuità del triennio 2006-2008;
  • sia necessario, sulla base di quanto disposto dalla presente deliberazione e dalla delibera ARG/elt 76/09, abrogare la delibera ARG/elt 168/08

DELIBERA

  1. Di determinare, in attuazione dell'articolo 21 del Testo integrato della regolazione della qualità dei servizi di distribuzione, misura e vendita dell'energia elettrica (di seguito: Testo Integrato) e del punto 6 della deliberazione 19 giugno 2009, ARG/elt 76/09 (di seguito: delibera ARG/elt 76/09), i livelli di partenza ed i livelli tendenziali di continuità per gli anni 2008-2011 per ciascun ambito territoriale di ciascuna impresa distributrice che ha comunicato all'Autorità i dati del biennio 2006-2007, come indicato nelle tabelle 1, 2 e 3 allegate al presente provvedimento rispettivamente per gli ambiti di alta, media e bassa concentrazione.
  2. Di determinare, in attuazione dell'articolo 30, comma 30.1, del Testo Integrato e del punto 6 della delibera ARG/elt 76/09, i livelli di partenza ed i livelli tendenziali di continuità per gli anni 2009-2011, per ciascun ambito territoriale di ciascuna impresa distributrice che ha optato per l'utilizzo dei livelli triennali degli indicatori di continuità in luogo di quelli biennali, come indicato nelle tabelle 4 e 5 allegate al presente provvedimento rispettivamente per gli ambiti di media e bassa concentrazione.
  3. Di abrogare la delibera 25 novembre 2008, ARG/elt 168/08.
  4. Di notificare il presente provvedimento mediante plico raccomandato con avviso di ricevimento a tutte le imprese distributrici citate nel presente provvedimento.
  5. Di pubblicare il presente provvedimento sul sito internet dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas (www.autorita.energia.it), con allegate le tabelle 1, 2, 3, 4 e 5, che ne costituiscono parte integrante e sostanziale.

Avverso il presente provvedimento, ai sensi dell'articolo 2, comma 25, della legge n. 481/95, può essere proposto ricorso avanti al Tribunale amministrativo regionale per la Lombardia, entro il termine di 60 (sessanta) giorni dalla data di notifica dello stesso.

27 ottobre 2009

Il Presidente: Alessandro Ortis