Cerca |  Contatti |  English   

Documenti collegati

Provvedimenti

pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 10 luglio 2009

Delibera VIS 67/09

Avvio di un'istruttoria formale per l'adozione di una sanzione amministrativa pecuniaria nei confronti della società AEM Elettricità S.p.A. per violazione degli obblighi informativi degli esercenti la salvaguardia transitori relativi al periodo di esercizio 1 maggio - 31 dicembre 2008

L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 6 luglio 2009

Visti:

  • l'articolo 2, comma 20, lettere c), della legge 14 novembre 1995, n. 481;
  • la legge 24 novembre 1981, n. 689;
  • l'articolo 11 bis del decreto-legge 14 marzo 2005, n. 35, introdotto dalla legge 14 maggio 2005, n. 80;
  • il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 2001, n. 244;
  • il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79;
  • il decreto-legge 18 giugno 2007, n. 73, convertito, con modificazioni, con legge 3 agosto 2007, n. 125;
  • il decreto del Ministro dello Sviluppo Economico (di seguito: MSE) 23 novembre 2007;
  • la deliberazione dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas (di seguito: l'Autorità) 9 giugno 2006, n. 111/06, come successivamente modificata e integrata;
  • la deliberazione dell'Autorità 28 dicembre 2006, n. 328/06;
  • il Testo integrato delle disposizioni per l'erogazione dei servizi di vendita dell'energia elettrica di maggior tutela e di salvaguardia, approvato con deliberazione dell'Autorità 27 giugno 2007, n. 156/07, come successivamente modificato ed integrato (di seguito: TIV);
  • la deliberazione dell'Autorità 3 agosto 2007, n. 207/07;
  • la deliberazione dell'Autorità 21 dicembre 2007, n. 337/07;
  • la deliberazione dell'Autorità 28 marzo 2008, ARG/elt 42/08;
  • la deliberazione dell'Autorità 22 luglio 2008, VIS 68/08;
  • la deliberazione dell'Autorità 11 dicembre 2008, GOP 57/08;
  • la deliberazione dell'Autorità 23 dicembre 2008, VIS 113/08;
  • la deliberazione dell'Autorità 24 aprile 2009, VIS 35/09, e l'allegato documento recante "Resoconto conclusivo dell'istruttoria conoscitiva avviata con deliberazione VIS 68/08 su possibili anomalie nell'applicazione della disciplina relativa al servizio di salvaguardia nel mercato elettrico" (di seguito: il Resoconto);
  • i provvedimenti dell'Autorità garante della concorrenza e del mercato 2 ottobre 2008, n. 18939, e 30 ottobre 2008, n. 19047.

Considerato che:

  • per i clienti finali che hanno autocertificato di non aver diritto al c.d. regime di maggior tutela, l'art. 1, comma 4, della legge n. 125/07 ha istituito un regime di salvaguardia che si attiva nel momento in cui tali clienti si trovino senza un fornitore;
  • il medesimo articolo ha demandato al MSE la definizione delle procedure concorsuali per l'assegnazione del servizio di salvaguardia, prevedendo che, sino alla sua effettiva operatività, la continuità della fornitura per i predetti clienti fosse garantita dalle imprese distributrici o dalle società di vendita ad esse collegate (di seguito: esercenti transitori);
  • le predette procedure concorsuali sono state definite con decreto 23 novembre 2007, che ha delegato l'Autorità a definire i criteri attuativi (successivamente adottati con la deliberazione n. 337/07), ed ha attribuito la gestione e l'organizzazione delle procedure all'Acquirente Unico;
  • l'affidamento del servizio di salvaguardia decorre dall'1 gennaio di ogni biennio (art. 1, comma 2, del decreto 23 novembre 2007), ad eccezione del primo periodo, che va dall'1 aprile al 31 dicembre 2008;
  • durante ciascun periodo di esercizio, il combinato disposto dell'art. 4, comma 3, del TIV e degli artt. 5 e 6 della deliberazione ARG/elt 42/08 prevede che il servizio di salvaguardia sia "attivato" in modo automatico dall'impresa distributrice nei casi in cui essa rilevi che:
    • sia risolto un contratto di fornitura (nel mercato libero) per un punto di prelievo, senza che il cliente finale (titolare del punto) abbia concluso un altro contratto e senza che il venditore uscente abbia richiesto la disattivazione del medesimo punto (art. 5);
    • un cliente finale servito in maggior tutela abbia perso i requisiti per beneficiarvi (art. 6);
  • in tali casi, l'art. 4, commi 3 e 3bis, del TIV impone all'impresa distributrice di trasmettere all'esercente la salvaguardia alcune informazioni per l'identificazione dei punti di prelievo interessati dallo switching e dei clienti finali titolari dei punti, tra cui l'indirizzo della sede legale del cliente;
  • al fine di garantire l'effettiva operatività degli esercenti la salvaguardia individuati per il primo periodo, l'art. 23, comma 1, del TIV (nella formulazione all'epoca vigente) ha posto in capo agli esercenti transitori l'obbligo di comunicare al nuovo esercente, per ciascun punto di prelievo, le informazioni (c.d. anagrafica), previste dall'art. 4 , comma 3bis, del TIV (nella formulazione all'epoca vigente), tra le quali, lo "indirizzo/sede legale del cliente finale" (lett. d);
  • le predette informazioni dovevano essere comunicate entro il 14 marzo 2008, ed aggiornate entro il successivo 7 aprile.

Considerato inoltre che:

  • con deliberazione VIS 35/09 l'Autorità ha chiuso l'istruttoria conoscitiva avviata su possibili anomalie nell'applicazione della disciplina relativa al servizio di salvaguardia nel mercato elettrico;
  • l'istruttoria conoscitiva era volta ad acquisire informazioni e dati sulle cause delle disfunzioni segnalate da più parti nel primo periodo di esercizio del servizio di salvaguardia (compreso tra l'1 maggio ed il 31 dicembre 2008);
  • con riferimento ai comportamenti tenuti dalle imprese distributrici e dagli esercenti transitori rispetto alla disciplina dell'Autorità funzionale all'effettiva operatività del servizio di salvaguardia, a garanzia della continuità del servizio elettrico, il Resoconto dell'istruttoria conoscitiva evidenzia che la società AEM Elettricità S.p.A., nella sua qualità di impresa distributrice e di esercente transitorio, in un quadro piuttosto complesso di rapporti contrattuali reso peraltro poco trasparente dal comportamento del nuovo esercente la salvaguardia (in particolare la società Exergia S.p.A.):
    • nel trasmettere alla stessa società Exergia S.p.A. l'anagrafica dell'insieme dei punti di prelievo ai sensi dell'art. 23, comma 1, del TIV, ha omesso di fornire, per tutti detti punti, l'indicazione dell'indirizzo/sede legale dei rispettivi clienti finali;
    • nel disporre l'attivazione del servizio di salvaguardia durante il periodo 1 maggio - 31 dicembre 2008, nei dati inviati ad Exergia ai sensi dell'art. 4, commi 3 e 3bis, del TIV avrebbe omesso di indicare l'indirizzo/sede legale del cliente titolare del punto di prelievo;
  • quanto sopra costituisce presupposto per l'avvio, nei confronti di AEM Elettricità, di un'istruttoria formale per l'irrogazione di una sanzione amministrativa pecuniaria ai sensi dell'art. 2, comma 20, lettera c), della legge n. 481/95

DELIBERA

  1. è avviata un'istruttoria formale nei confronti della società AEM Elettricità S.p.A. per accertare la violazione dell'art. 4, commi 3 e 3bis, e dell'art. 23, comma 1, del TIV, attraverso le condotte indicate in premessa, ed irrogare la relativa sanzione amministrativa pecuniaria ai sensi dell'articolo 2, comma 20, lettera c), della legge n. 481/95;
  2. il responsabile del procedimento è il Direttore della Direzione Legislativo e Legale, ai sensi del combinato disposto dell'articolo 12, comma 1, lettera c), dell'Allegato A alla deliberazione GOP 57/08 e del punto 8.2 della deliberazione n. 328/06;
  3. il termine di durata dell'istruttoria è di 180 (centottanta giorni), decorrenti dalla data di ricevimento del presente provvedimento;
  4. il provvedimento finale sarà adottato entro 60 (sessanta) giorni dal termine dell'istruttoria, fissato ai sensi del precedente punto 3;
  5. i soggetti che hanno titolo per partecipare al procedimento, ai sensi dell'articolo 5, comma 1, del d.P.R. n. 244/01, possono accedere agli atti del procedimento presso i locali della Direzione legislativo e legale;
  6. coloro che partecipano al procedimento producendo documenti o memorie, qualora intendano salvaguardare la riservatezza o la segretezza delle informazioni ivi contenute, devono presentare, a pena di decadenza, la richiesta di cui all'articolo 14, comma 7, del d.P.R. n. 244/01, contestualmente alla produzione di tali documenti o memorie o, nel caso di dichiarazioni rese in sede di audizione, non oltre la chiusura della audizione stessa;
  7. chi ne ha titolo può chiedere di essere sentito in sede di audizione finale, ai sensi dell'articolo 10, comma 5, del d.P.R. n. 244/01, qualora ne faccia domanda all'Autorità entro il termine di 30 (trenta) giorni; tale termine decorre dalla data di comunicazione del presente provvedimento, per i soggetti destinatari, ai sensi dell'articolo 4, comma 3, del d.P.R. n. 244/01, e dalla data di pubblicazione del presente provvedimento per gli altri soggetti legittimati ad intervenire al procedimento, ai sensi dell'articolo 4, comma 4, del medesimo d.P.R. n. 244/01;
  8. il presente provvedimento sarà pubblicato sul sito internet dell'Autorità (www.autorita.energia.it), previa comunicazione, mediante plico raccomandato con avviso di ricevimento, alle società di seguito elencate:
    • AEM Elettricità S.p.A., Corso di Porta Vittoria 4, 20121 Milano;
    • Exergia S.p.A., Corso Sempione 14/A, 21013 Gallarate (VA).

6 luglio 2009
Il Presidente: Alessandro Ortis