Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione

Allegati

pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 19 settembre 2007

Delibera n. 214/07

Formazione dell'elenco degli esperti per la valutazione dei progetti di ricerca di sistema del settore elettrico di cui all'art. 11 del decreto del Ministro delle Attività Produttive 8 marzo 2006

L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 6 settembre 2007

Visti:

  • la legge 14 novembre 1995, n. 481;
  • il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79;
  • il decreto del Ministro dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato, di concerto col Ministro del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione economica, 26 gennaio 2000 (di seguito: decreto 26 gennaio 2000), recante individuazione degli oneri generali afferenti al sistema elettrico, tra cui gli oneri relativi al finanziamento delle attività di ricerca e sviluppo di interesse generale per il sistema elettrico;
  • la legge 23 agosto 2004, n. 239, recante riordino del settore energetico nonché delega al Governo per il riassetto delle disposizioni vigenti in materia di energia;
  • il decreto del Ministro dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato, di concerto col Ministro del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione economica, 17 aprile 2001, recante modificazioni al decreto 26 gennaio 2000;
  • il decreto legge 18 febbraio 2003, n. 25, recante disposizioni urgenti in materia di oneri generali del sistema elettrico e di realizzazione, potenziamento, utilizzazione e ambientalizzazione di impianti termoelettrici, convertito in legge, con modificazioni, dall'art. 1, della legge 17 aprile 2003, n. 83;
  • il decreto del Ministro delle Attività Produttive 8 marzo 2006 (di seguito: decreto 8 marzo 2006), recante nuove modalità di gestione del Fondo per il finanziamento delle attività di ricerca e sviluppo di interesse generale per il sistema elettrico nazionale (di seguito: Fondo) e abrogazione del decreto del Ministro delle Attività Produttive 28 febbraio 2003; visti in particolare:
    • l'art. 11, secondo cui il Comitato di Esperti di Ricerca per il Settore Elettrico (di seguito: CERSE) forma, a seguito di una selezione pubblica, un elenco di esperti, nazionali o esteri, di comprovata competenza nei settori della ricerca e dello sviluppo del settore elettrico che garantiscano indipendenza di valutazione e di giudizio;
    • l'art. 4, comma 1, secondo cui la valutazione, ai fini del finanziamento, dei piani annuali e dei progetti di ricerca presentati dai soggetti affidatari degli accordi di programma di cui al medesimo articolo, comma 1, è effettuata dagli esperti di cui all'art. 11;
    • l'art. 5, comma 2, secondo cui la valutazione delle proposte di progetti di ricerca presentate nell'ambito della procedura concorsuale per la selezione di progetti non compresi negli accordi di programma di cui all'art. 4 è effettuata dagli esperti individuati ai sensi dell'art. 11;
    • l'art. 5, comma 3, secondo cui gli esperti di cui all'art. 11 predispongono, su indicazione del CERSE, gli elementi per porre in graduatoria le proposte di progetti di ricerca presentate e lo schema di ammissione delle medesime ai contributi del Fondo;
    • l'art. 6, comma 1, secondo il quale il CERSE, avvalendosi anche degli esperti di cui all'art. 11, verifica lo stato di avanzamento dei progetti di ricerca, l'ammissibilità, pertinenza e congruità delle spese documentate ed il conseguimento dei risultati conseguiti.
  • il decreto del Ministro delle Attività Produttive 23 marzo 2006 (di seguito: decreto 23 marzo 2006), pubblicato nel supplemento ordinario n. 111, della Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 4 maggio 2006, n. 102, recante approvazione del "Piano triennale della ricerca di sistema e Piano operativo annuale per le attività di ricerca e sviluppo di interesse generale per il sistema elettrico nazionale e attribuzione delle risorse del Fondo, di cui al decreto 26 gennaio 2006" (di seguito: Piano Triennale);
  • la Disciplina comunitaria per gli aiuti di Stato alla ricerca e allo sviluppo, n. 96/C45/06, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Commissione europea del 17 febbraio 1996, n. C 45;
  • la decisione della Commissione Europea - Direzione generale per la concorrenza, del 20 dicembre 2006, n.(2006) 6681 def, sull'Aiuto di stato NN.27/05 - Ricerca e sviluppo del settore elettrico, con la quale è stato espresso parere favorevole circa la compatibilità con il Trattato del regime di finanziamento alle attività di ricerca e sviluppo nel settore elettrico adottato dall'Italia e sono stati valutati positivamente gli strumenti e le condizioni di finanziamento dei progetti di ricerca a carico del Fondo;
  • la deliberazione 22 febbraio 2007, n. 33/07, con la quale l'Autorità per l'energia elettrica e il gas (di seguito: Autorità) ha rilasciato l'intesa al Ministero dello Sviluppo Economico in merito allo schema di decreto riguardante l'Operatività del Fondo;
  • il decreto del Ministro dello Sviluppo Economico 21 giugno 2007 (di seguito: decreto 21 giugno 2007), pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 20 luglio 2007, n. 167, con il quale sono state attribuite transitoriamente all'Autorità le funzioni del CERSE di cui al decreto 8 marzo 2006;
  • i decreti ministeriali 22 giugno 2007 di recepimento degli accordi di programma triennali stipulati tra Ministero dello Sviluppo Economico e, rispettivamente, Ente per le Nuove tecnologie, l'Energia e l'Ambiente (di seguito:ENEA), Consiglio Nazionale delle Ricerche (di seguito: CNR) e CESI Ricerca S.p.A. (di seguito: CESI Ricerca), ai sensi del decreto 23 marzo 2006, per lo svolgimento delle linee di attività di ricerca e sviluppo di interesse pubblico previste dal Piano Triennale;
  • la legge 3 agosto 2007, n. 125, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 188 del 14 agosto 2007, che ha convertito, con modificazioni, il decreto legge 18 giugno 2007, n. 73, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 139 del 18 giugno 2007, recante misure urgenti per l'attuazione di disposizioni comunitarie in materia di liberalizzazione dei mercati dell'energia;
  • la deliberazione 3 agosto 2007, n. 209/07, (di seguito: deliberazione n.209/07) con la quale l'Autorità ha attivato le funzioni del CERSE attribuite in via provvisoria all'Autorità stessa con il decreto 21 giugno 2007;
  • l'invito del CERSE, per il tramite della Segreteria Operativa di cui all'art. 10 del decreto 8 marzo 2006 (di seguito: Segreteria Operativa), istituita dalla Cassa conguaglio per il settore elettrico, alla presentazione di candidature per l'inserimento nell'"Elenco degli esperti per la valutazione dei progetti di ricerca di sistema del settore elettrico, di cui all'art. 11, comma 1, del decreto del Ministro delle Attività Produttive 8 marzo 2006", del 17 maggio 2006;
  • vista la relazione dell'ing. Giulio Viezzoli, referente, ai sensi della deliberazione n. 209/07, per i necessari collegamenti fra l'Autorità e la Segreteria Operativa, relativa alla procedura di selezione delle candidature pervenute in risposta all'invito di cui al precedente alinea.

Considerato che:

  • in data 30 giugno 2006, è cessato l'incarico, per decorrenza dei termini, dei componenti del CERSE, costituito con decreto del Ministro delle Attività produttive del 16 maggio 2003;
  • il Ministro dello Sviluppo Economico non ha, a tutt'oggi, rinnovato il suddetto Comitato e con il decreto 21 giugno 2007 ha attribuito transitoriamente all'Autorità le funzioni del CERSE;
  • è necessario dare operatività al Fondo per il finanziamento delle attività di ricerca e sviluppo di interesse generale per il sistema elettrico nazionale, avviando quanto meno i progetti attività di ricerca di cui all'art. 3, comma 1, lettera a), del decreto 8 marzo 2006;
  • il 28 giugno 2007 sono stati registrati alla Corte dei Conti, nel registro 3 rispettivamente foglio n. 229, 230, 228, i decreti ministeriali del 22 giugno 2007 di recepimento degli accordi di programma triennali stipulati tra Ministero dello Sviluppo Economico e, rispettivamente, ENEA, CNR e CESI Ricerca, ai sensi del decreto 23 marzo 2006, per lo svolgimento delle linee di attività di ricerca e sviluppo di interesse pubblico previste dal Piano Triennale;
  • ENEA, CNR e CESI Ricerca hanno già avviato parte delle attività di ricerca oggetto degli accordi di programma, in virtù della valenza strategica dei temi di ricerca e della necessità di garantire una adeguata continuità alle attività avviate nel triennio 2003-2005, di cui alcuni progetti previsti dagli accordi di programma costituiscono una necessaria evoluzione, anche ai fini della sicurezza del sistema elettrico;
  • ENEA, CNR e CESI Ricerca hanno già presentato al Ministero dello Sviluppo Economico i piani annuali di realizzazione, articolati per progetti di ricerca, per ciascuna delle attività di ricerca e sviluppo oggetto dell'accordo di programma;
  • per la valutazione dei piani annuali di realizzazione oggetto degli accordi di programma, nonché per la valutazione delle proposte di progetti di ricerca presentate nell'ambito delle procedure concorsuali e per la verifica dello stato di avanzamento, dell'ammissibilità, pertinenza e congruità delle spese documentate e del conseguimento dei risultati conseguiti dei progetti di ricerca di sistema del settore elettrico è necessario disporre di un elenco di esperti formato da personalità, nazionali od estere, di comprovata competenza nei settori della ricerca e dello sviluppo del settore elettrico e che garantiscano indipendenza di valutazione e di giudizio;
  • il 17 maggio 2006, il CERSE, per il tramite della Segreteria Operativa, ha pubblicato un invito alla presentazione di candidature per l'inserimento nell'"Elenco degli esperti per la valutazione dei progetti di ricerca di sistema del settore elettrico, di cui all'art. 11, comma 1, del decreto del Ministro delle Attività Produttive 8 marzo 2006", rivolto a cittadini italiani o esteri in possesso di adeguata competenza in almeno una delle seguenti aree:
    1. gestione del sistema elettrico;
    2. produzione di energia elettrica e fonti energetiche;
    3. trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica;
    4. usi finali dell'energia elettrica;
  • all'Autorità compete, sulla base dell'art. 11, comma 2, del decreto 8 marzo 2006, nell'espletamento delle funzioni del CERSE, attribuite con il decreto 21 giugno 2007 e attivate con la deliberazione dell'Autorità n. 209/07, di formare un elenco di esperti di comprovata competenza nei settori della ricerca e dello sviluppo del settore elettrico, tra i quali individuare le personalità cui affidare i compiti di valutazione previsti dal decreto 8 marzo 2006;
  • dall'analisi della relazione dell'ing. Giulio Viezzoli risulta che le candidature pervenute utilmente alla Segreteria Operativa consentono la selezione degli esperti di cui al precedente alinea e la formazione dell'elenco di cui all'art. 11 del decreto 8 marzo 2006.

Ritenuto che:

  • sia opportuno e urgente provvedere alla formazione dell'elenco di esperti di cui all'art. 11 del decreto del Ministro delle Attività Produttive 8 marzo 2006, ai fini della valutazione dei piani annuali di realizzazione oggetto dei sopracitati accordi di programma, nonché della valutazione delle proposte di progetti di ricerca presentate nell'ambito delle procedure concorsuali e della verifica dello stato di avanzamento, dell'ammissibilità, pertinenza e congruità delle spese documentate e del conseguimento dei risultati raggiunti dei progetti di ricerca di sistema del settore elettrico

DELIBERA

  1. di approvare l'elenco degli esperti per la valutazione dei progetti di ricerca di sistema del settore elettrico di cui all'art. 11, comma 1, del decreto del Ministro delle Attività Produttive 8 marzo 2006, riportato in allegato al presente provvedimento, di cui costituisce parte integrante e sostanziale (Allegato A);
  2. di pubblicare l'elenco degli esperti selezionati sui siti: www.autorita.energia.it e www.ccse.cc;
  3. di trasmettere il presente provvedimento al Ministero dello Sviluppo Economico, Direzione generale energia e risorse minerarie e alla Segreteria Operativa.