Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione

Documenti collegati

Comunicati stampa

Provvedimenti

Doc. di consultazione

pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 16 dicembre 2006

Delibera n. 289/06

Disposizioni per l'approvvigionamento e la remunerazione delle risorse in grado di garantire l'interrompibilità istantanea o con preavviso dei prelievi di energia elettrica a decorrere dall'1 gennaio 2007

L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 15 dicembre 2006

Visti:

  • la direttiva 2003/54/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 26 giugno 2003, relativa a norme comuni per il mercato interno dell'energia elettrica e che abroga la direttiva 96/92/CE (di seguito: direttiva 2003/54/CE);
  • la legge 14 novembre 1995, n. 481;
  • il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 (di seguito: decreto legislativo n. 79/99);
  • la deliberazione dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas (di seguito: l'Autorità) 5 dicembre 2001, n. 301/01 (di seguito: deliberazione n. 301/01);
  • la deliberazione dell'Autorità 12 dicembre 2003, n. 151/03 come successivamente modificata e integrata (di seguito: deliberazione n. 151/03);
  • la deliberazione dell'Autorità 30 dicembre 2003, n. 168/03 come successivamente modificata e integrata (di seguito: deliberazione n. 168/03);
  • la deliberazione dell'Autorità 30 gennaio 2004, n. 4/04 (di seguito: deliberazione n. 4/04);
  • la deliberazione dell'Autorità 7 ottobre 2005, n. 213/05 (di seguito: deliberazione n. 213/05);
  • la deliberazione dell'Autorità 23 febbraio 2006, n. 39/06 (di seguito: deliberazione n. 39/06);
  • la deliberazione dell'Autorità 9 giugno 2006, n. 111/06 (di seguito: deliberazione n. 111/06);
  • il documento per la consultazione "Criteri per la partecipazione degli utenti di dispacciamento in prelievo al mercato per il servizio di dispacciamento" pubblicato dall'Autorità in data 24 maggio 2006 (di seguito: documento di consultazione MSD prelievo);
  • il documento per la consultazione "Modifiche alla disciplina dell'approvvigionamento delle risorse per il servizio di dispacciamento" pubblicato dall'Autorità in data 28 novembre 2006 (di seguito: documento di consultazione MSD a termine);
  • la nota del Ministro dello Sviluppo Economico del 29 novembre 2006 - prot. Autorità 29733 del 30 novembre 2006 - (di seguito: nota 30 novembre 2006), con la quale il Ministro informa l'Autorità che Terna ha confermato la necessità di poter disporre, almeno per tutto l'anno 2007, di risorse in grado di garantire l'interrompibilità istantanea o con preavviso dei prelievi di energia elettrica per una disponibilità complessiva di 3'100 MW con le medesime condizioni tecniche previste dai contratti in essere.

Considerato che:

  • l'Autorità ha stabilito con la deliberazione n. 151/03 disposizioni urgenti per la remunerazione del servizio di interrompibilità istantanea e con preavviso per il triennio compreso tra l'1 gennaio 2004 e il 31 dicembre 2006;
  • la deliberazione n. 213/05 ha definito le condizioni per l'approvvigionamento da parte della società Terna S.p.A. (allora Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale S.p.A, di seguito: Terna) di ulteriori risorse di interrompibilità per esigenze di sicurezza del sistema elettrico nazionale per il periodo fino al 31 dicembre 2006;
  • l'Autorità nel documento di consultazione MSD prelievo ha evidenziato che i carichi interrompibili istantanei e con preavviso:
    • rappresenterebbero una tipologia di riserva di potenza a salire in grado di offrire prestazioni che, in molti casi, risultano paragonabili a quelle offerte da unità di produzione e da unità di pompaggio;
    • potrebbero essere offerti sul MSD per entrare in diretta concorrenza tra loro e con le unità di produzione in maniera trasparente e non discriminatoria;
    • potrebbero partecipare a procedure concorsuali per l'approvvigionamento a termine di apposite tipologie di riserva di potenza da utilizzare a fini di bilanciamento nell'ambito del MSD;
  • i soggetti che hanno formulato osservazioni al documento di consultazione MSD prelievo hanno sottolineato che:
    • i carichi interrompibili con preavviso costituiscono una tipologia di riserva a salire per molti aspetti assimilabile a quella offerta da unità di produzione e dovrebbero essere offerti su MSD;
    • i carichi interrompibili senza preavviso costituiscono una tipologia di riserva a salire con prestazioni dinamiche nettamente superiori a quelle offerte da unità di produzione; i carichi interrompibili senza preavviso costituiscono, quindi, una risorsa essenziale alla sicurezza del sistema non avendo Terna alcuna alternativa in grado di offrire prestazioni qualitativamente equivalenti nel caso di eventi estremi quali, ad esempio, il fuori servizio di più linee di importazione che possano mettere a rischio la sicurezza del sistema elettrico;
    • in entrambi i casi, è utile prevedere l'opportunità di approvvigionamento a termine di tali tipologie di riserva mediante la partecipazione dei carichi interrompibili a procedure concorsuali aventi ad oggetto la cessione di opzioni sull'uso di capacità, giacché tale forma di remunerazione è ritenuta meglio rispondente alle caratteristiche della risorsa offerta;
  • il Ministro dello Sviluppo Economico con nota 30 novembre 2006 ha segnalato all'Autorità l'opportunità di procedere in tempi brevi alla definizione di una nuova disciplina dell'interrompibilità compatibile con il mercato per il servizio di dispacciamento (di seguito: MSD) e, tenendo conto dei tempi necessari per l'attuazione della medesima disciplina, di dare corso alla proroga per l'anno 2007 dell'approvvigionamento del servizio di interrompibilità attualmente in vigore;
  • l'Autorità nel documento di consultazione MSD a termine ha evidenziato l'utilità di consentire a Terna l'approvvigionamento a termine di talune risorse per il servizio di dispacciamento ed, in particolare, l'opportunità, relativamente all'anno 2007, di bandire aste per la "riserva di potenza a salire", cui potrebbero eventualmente partecipare anche i carichi interrompibili con preavviso;
  • la crisi sulla rete dell'UCTE del 4 novembre 2006, verificatasi a seguito di un disservizio sulla rete di trasmissione tedesca, ha evidenziato l'estrema rilevanza dei carichi interrompibili che hanno inizialmente contribuito al piano di alleggerimento automatico del carico con 339 MW su 2'249 MW distaccati in tempo reale tramite i cosiddetti Equilibratori Automatici di Carico (di seguito: EAC) e, successivamente, al permanere del transitorio di sottofrequenza per la rete UCTE occidentale, tra cui è compresa la rete italiana, contribuito a rafforzare le condizioni di sicurezza del sistema con ulteriori 663 MW distaccati manualmente da Terna tramite il cosiddetto Banco Manovra Interrompibili;
  • la deliberazione n. 4/04 che definisce i livelli specifici di continuità per i clienti di maggiori dimensioni prevede delle penalità per i casi in cui i medesimi livelli non siano rispettati che oscillano tra 1'000 e 2'500 €/MWh e che nel corso degli anni 2005 e 2006 si sono registrate punte di prezzo sui mercati esteri interconnessi superiori a 2'000 €/MWh.

Ritenuto che:

  • sia necessario definire i criteri per l'approvvigionamento delle risorse interrompibili istantaneamente e con preavviso a decorrere dall'anno 2007, nonché le caratteristiche minime delle medesime risorse alla luce delle attuali esigenze di sicurezza di funzionamento del sistema elettrico;
  • sia opportuno che Terna valuti la possibilità di prevedere che una parte dei prelievi associati alle risorse interrompibili istantaneamente siano dotati di dispositivi automatici che provvedano all'attivazione del servizio con logiche analoghe a quelle previste per gli EAC, al fine di minimizzare le interruzioni ai clienti finali, anche in caso di eventi di particolare gravità;
  • al fine di soddisfare le esigenze di sicurezza del sistema elettrico, sia necessario identificare procedure che consentano a Terna l'approvvigionamento a termine sia delle risorse interrompibili istantaneamente che delle risorse interrompibili con preavviso prevedendo corrispettivi che tengano conto, a partire dalla remunerazione riconosciuta per l'anno 2006, dell'esigenza di incrementare l'efficienza nell'approvvigionamento e nell'utilizzo delle risorse per il dispacciamento;
  • al fine di garantire un periodo di tempo congruo per la definizione e implementazione delle nuove procedure operative per l'approvvigionamento delle risorse interrompibili da parte di Terna senza intaccare il livello di sicurezza di funzionamento del sistema elettrico nazionale, sia necessario predisporre una disciplina coerente per gli anni a venire, con decorrenza dall'1 gennaio 2007, che preveda un regime semplificato per il primo anno di applicazione delle predette procedure;
  • il regime semplificato di cui al precedente alinea debba essere nei fatti analogo alle condizioni di approvvigionamento dell'anno 2006

DELIBERA

TITOLO 1
OGGETTO E DEFINIZIONI

Articolo 1
Oggetto e definizioni

1.1 Il presente provvedimento disciplina le modalità per la selezione e l'approvvigionamento da parte di Terna nell'ambito del servizio di dispacciamento di risorse in grado di garantire l'interrompibilità istantanea (di seguito: risorse interrompibili istantaneamente) o con preavviso (di seguito: risorse interrompibili con preavviso) dei prelievi di energia elettrica dal sistema elettrico nazionale.

1.2 Ai fini dell'interpretazione e dell'applicazione delle disposizioni contenute nel presente provvedimento si applicano le definizioni di cui all'articolo 1 dell'Allegato A alla deliberazione dell'Autorità 30 gennaio 2004, n. 5/04, come successivamente integrata e le definizioni di cui all'Articolo 1 dell'Allegato A alla deliberazione dell'Autorità 30 dicembre 2003, n. 168/03 come successivamente modificata e integrata.

1.3 Ai fini dell'interpretazione e dell'applicazione delle disposizioni contenute nel presente provvedimento, per interruzione si intende il distacco, per un periodo non superiore all'ora, dalla rete della potenza associata ad un punto di prelievo corrispondente a una risorsa in grado di garantire l'interrompibilità. Nel caso di durata del distacco superiore all'ora, la prima ora intera e, successivamente, ogni ulteriore blocco di tre ore di durata verranno considerati come ulteriori interruzioni separate.

TITOLO 2
INTERROMPIBILITÀ ISTANTANEA

Articolo 2
Caratteristiche delle risorse interrompibili istantaneamente

2.1 Terna definisce nelle regole per il dispacciamento:

  1. i requisiti minimi tecnici e funzionali degli impianti nei punti di prelievo;
  2. le prestazioni minime richieste per le risorse interrompibili istantaneamente, con riferimento al valore nominale di potenza per cui la risorsa viene resa disponibile (di seguito: potenza interrompibile istantaneamente) e le modalità per la verifica da parte di Terna delle medesime prestazioni;
  3. le condizioni contrattuali che regolano il rapporto tra Terna e i soggetti che prestano la risorsa.

2.2 Le prestazioni minime richieste di cui al comma 2.1 comprendono:

  1. la previsione che la potenza minima mensile prelevata dalle risorse interrompibili istantaneamente sia non inferiore alla potenza interrompibile istantaneamente; Terna può prevedere periodi specifici di durata complessiva non superiore al 15 % del numero di ore dell'anno, quali i periodi di manutenzione programmata o di fuori servizio a seguito di attivazione dell'interrompibilità, con riferimento ai quali tale previsione non viene applicata;
  2. la possibilità di risoluzione da parte di Terna del rapporto contrattuale che regola la disponibilità delle risorse interrompibili istantaneamente nel caso in cui:
    1. la potenza minima mensile prelevata dalle risorse interrompibili istantaneamente sia inferiore ad una soglia minima predefinita;
    2. nel caso in cui, in conseguenza dell'attivazione della risorsa interrompibile istantaneamente, si verifichino significativi incrementi dei prelievi di energia elettrica nel medesimo punto di prelievo.

2.3 Nel caso in cui la previsione di cui al comma 2.2, lettera a), non sia rispettata, Terna riduce la quota del corrispettivo di cui al comma 3.3, lettera c), relativa al mese in cui tale violazione si verifica, moltiplicandolo per un coefficiente pari al rapporto tra potenza minima mensile effettivamente prelevata nel medesimo mese e la potenza interrompibile istantaneamente; in tali casi, Terna può prevedere l'applicazione di ulteriori riduzioni al medesimo corrispettivo, nei casi di inosservanza reiterata delle previsioni di cui al comma 2.2, lettera a), al fine di evitare comportamenti speculativi da parte dei soggetti titolari delle risorse interrompibili istantaneamente.

2.4 Terna valuta l'opportunità di asservire, anche in parte, le risorse interrompibili istantaneamente a dispositivi automatici al fine di garantirne l'interruzione e di limitare il più possibile il distacco diffuso dei punti di prelievo corrispondenti a clienti finali non interrompibili.

Articolo 3
Procedure per l'approvvigionamento a termine delle risorse interrompibili istantaneamente

3.1 Terna si approvvigiona delle risorse interrompibili istantaneamente nell'ambito del dispacciamento attraverso procedure trasparenti e non discriminatorie in conformità e ai criteri di cui al comma 22.2, lettere da a) a d) della deliberazione n. 168/03 ed alle condizioni di cui al presente provvedimento.

3.2 Terna definisce e trasmette all'Autorità una proposta delle procedure di cui al comma 3.1 per l'approvvigionamento di una quantità non superiore a 2'000 MW di potenza interrompibile istantaneamente. L'Autorità si pronuncia sullo schema di cui al comma precedente con le modalità previste dalla deliberazione n. 39/06.

3.3 Le procedure di cui al comma 3.1 prevedono:

  1. l'identificazione della potenza interrompibile istantaneamente che Terna ritiene necessario approvvigionare, al fine di garantire una prestazione complessiva almeno analoga a quella disponibile durante l'anno 2006;
  2. l'approvvigionamento della potenza di cui alla lettera a), al fine di garantire la sicurezza del sistema elettrico, secondo i seguenti criteri di selezione dei fornitori e con riferimento al servizio già assicurato per l'anno 2006:
    1. assicurare un'adeguata distribuzione delle risorse interrompibili istantaneamente sul territorio nazionale;
    2. assicurare un numero minimo di punti di prelievo sul territorio nazionale ed un'adeguata pluralità di soggetti da cui le medesime risorse sono approvvigionate;
  3. la fatturazione di un corrispettivo fisso annuale pari al prodotto tra la potenza interrompibile istantaneamente ed il corrispettivo unitario di cui al comma 3.4, per la disponibilità delle risorse interrompibili istantaneamente a fronte di un numero di interruzioni per anno pari a 10;
  4. la fatturazione di un corrispettivo unitario pari a 3'000 Euro/MW per ciascuna interruzione corrispondente alla differenza tra il numero annuo di interruzioni effettive con riferimento a ciascuna risorsa interrompibile ed il numero annuo di interruzioni di cui alla lettera c) che precede.

3.4 Il corrispettivo unitario di cui al comma 3.3, lettera c), è definito dall'Autorità su base annuale a partire dal valore di 150'000 €/MW/anno e tenendo conto delle possibili riduzioni di costi associati alla disponibilità delle risorse interrompibili istantaneamente.

3.5 Nel caso in cui Terna lo ritenga necessario ai fini della sicurezza del sistema elettrico, le procedure di cui al comma 3.1 possono prevedere l'approvvigionamento di risorse interrompibili istantaneamente per un ulteriore quantitativo complessivamente non superiore a 400 MW individuate tramite procedure concorsuali basate sulla selezione di offerte a sconto rispetto al corrispettivo di cui al comma 3.4 presentate da soggetti titolari di risorse interrompibili istantaneamente disponibili a fornire le medesime risorse alle condizioni di cui al comma 3.3.

3.6 Terna seleziona le offerte di cui al comma 3.5 sulla base dell'ordine di merito delle offerte a sconto rispetto al corrispettivo di cui al comma 3.4 tenendo conto delle esigenze di sicurezza del sistema elettrico nazionale e del numero atteso di interruzioni per ciascuna risorsa.

3.7 Le risorse individuate tramite le procedure concorsuali di cui ai commi 3.5 e 3.6, in eccesso rispetto al quantitativo prefissato ai sensi del comma 3.5, entrano a far parte di una graduatoria di merito da cui Terna estrae le risorse che si rendano necessarie per rimpiazzare le risorse di cui al comma 3.3 venute a mancare per effetto della risoluzione del contratto.

Articolo 4
Diritti e obblighi degli utenti del dispacciamento titolari di risorse interrompibili istantaneamente selezionate

4.1 Gli utenti del dispacciamento titolari di risorse interrompibili istantaneamente selezionate nelle procedure di cui all'articolo 3 hanno l'obbligo di:

  1. rendere disponibili a Terna le medesime risorse con le caratteristiche e le modalità definite da Terna ai sensi dell'Articolo 2;
  2. pagare a Terna un corrispettivo pari al prodotto tra il corrispettivo unitario di cui al comma 3.3, lettera d), e la differenza, se negativa, di cui alla medesima lettera.

4.2 Gli utenti del dispacciamento titolari di risorse interrompibili istantaneamente selezionate nelle procedure di cui all'articolo 3 hanno il diritto a:

  1. ricevere da Terna il corrispettivo annuale di cui al comma 3.3, lettera c), come eventualmente ridotto per effetto delle previsioni di cui all'Articolo 2 che precede;
  2. ricevere da Terna un corrispettivo pari al valore assoluto del prodotto tra il corrispettivo unitario di cui al comma 3.3, lettera d), e la differenza, se positiva, di cui alla medesima lettera.

TITOLO 3
INTERROMPIBILITÀ CON PREAVVISO

Articolo 5
Abilitazione delle unità di consumo interrompibili con preavviso alla fornitura di risorse per il servizio di dispacciamento

5.1 Terna definisce nelle regole per il dispacciamento le tipologie di risorse che le unità di consumo interrompibili con preavviso sono abilitate a fornire attenendosi ai principi e ai criteri di cui agli articoli 8 e 22 della deliberazione n. 168/03, nonché ai criteri di cui al presente articolo.

5.2 Nel definire le tipologie di risorse di cui all'articolo 8, comma 8.2, lettera a), della deliberazione n. 168/03, le caratteristiche tecniche degli impianti, delle apparecchiature e dei dispositivi delle unità di produzione e delle unità di consumo abilitate alla fornitura delle predette risorse, nonché le modalità tecniche, economiche e procedurali per l'approvvigionamento delle medesime risorse, Terna ha cura di consentire alle unità di consumo interrompibili l'accesso alla fornitura di risorse che tali unità, per le caratteristiche tecniche che le contraddistinguono, potrebbero offrire in concorrenza con le unità di produzione e viceversa, di consentire alle unità di produzione l'accesso alla fornitura di risorse che tali unità, per le caratteristiche tecniche che le contraddistinguono, potrebbero offrire in concorrenza con le unità di consumo interrompibili.

Articolo 6
Accesso delle unità di consumo interrompibili con preavviso al MSD e alle procedure di approvvigionamento a termine delle risorse per il servizio di dispacciamento

6.1 Terna assicura alle unità di consumo interrompibili con preavviso l'accesso al MSD nonché alle procedure di approvvigionamento a termine eventualmente organizzate da Terna per la fornitura delle risorse di cui all'articolo 5, comma 5.1.

TITOLO 4
DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI

Articolo 7
Disposizioni per l'anno 2007

7.1 Per il primo anno di applicazione della presente disciplina non si applicano le previsioni di cui al comma 3.5 e Terna si approvvigiona delle risorse interrompibili istantaneamente nell'ambito del dispacciamento proponendo ai soggetti che hanno prestato il servizio di interrompibilità istantanea per l'intero anno 2006 ai sensi della deliberazione n. 151/03 e della deliberazione n. 213/05 le condizioni di cui al Titolo 2 per i medesimi quantitativi complessivi approvvigionati per l'2006, modificate come segue:

  1. in luogo delle caratteristiche di cui all'Articolo 2 si applicano i requisiti minimi tecnici e funzionali e le prestazioni minime richieste per la prestazione del servizio nell'anno 2006;
  2. il corrispettivo di cui al comma 3.3, lettera d), è posto pari a zero.

7.2 Ciascun soggetto titolare di risorse interrompibili istantaneamente contrattualizzate per il primo anno di applicazione della presente disciplina è tenuto a garantire la propria partecipazione alle procedure per l'approvvigionamento delle medesime risorse per l'anno successivo al primo per quantitativi almeno pari a quelli forniti nel primo anno.

7.3 Per l'anno 2007 Terna si approvvigiona delle risorse interrompibili con preavviso nell'ambito del dispacciamento proponendo ai soggetti che hanno prestato il servizio di interrompibilità con preavviso per l'anno 2006 ai sensi della deliberazione n. 151/03 e della deliberazione n. 213/05 le medesime condizioni applicate per tale anno.

Articolo 8
Disposizioni finali

8.1 Il presente provvedimento è pubblicato sul sito internet dell'Autorità (www.autorita.energia.it) ed entra in vigore dalla data della sua pubblicazione.