Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione

Documenti collegati

Provvedimenti

Doc. di consultazione

pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 05 luglio 2006

Questo provvedimento ha esaurito i suoi effetti

Delibera n. 137/06

Avvio di procedimento in materia di determinazione e aggiornamento della componente costo evitato di combustibile di cui al Titolo II del provvedimento del Comitato interministeriale dei prezzi 29 aprile 1992, n. 6

L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 3 luglio 2006

Visti:

  • la legge 9 gennaio 1991, n. 9 (di seguito: legge n. 9/91);
  • la legge 14 novembre 1995, n. 481 (di seguito: legge n. 481/95);
  • il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79/99, recante attuazione della direttiva 96/92/CE concernente norme comuni per il mercato interno dell'energia elettrica;
  • la legge 27 ottobre 2003, n. 290;
  • il decreto del Ministro dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato 25 settembre 1992;
  • il provvedimento del Comitato interministeriale dei prezzi (di seguito: CIP) 29 aprile 1992, n. 6, come modificato e integrato dal decreto del Ministro dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato 4 agosto 1994 (di seguito: provvedimento CIP n. 6/92);
  • il decreto del Ministro dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato 24 gennaio 1997;
  • la deliberazione dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas (di seguito: l'Autorità) 30 maggio 1997, n. 61/97, recante disposizioni in materia di svolgimento dei procedimenti per la formazione delle decisioni di competenza della medesima Autorità;
  • la deliberazione dell'Autorità 24 giugno 1998, n. 61/98;
  • la deliberazione dell'Autorità 8 giugno 1999, n. 81/99;
  • la deliberazione dell'Autorità 12 ottobre 2000, n. 188/00;
  • la lettera trasmessa all'Autorità dalla Cassa conguaglio per il settore elettrico (di seguito: CCSE) in data 16 maggio 2006, prot. n. 1107 (prot. Autorità n. 12025 in data 17 maggio 2006), recante, tra l'altro, l'accordo Snam/Confindustria "Contratto di lungo termine per la somministrazione di gas per la produzione di energia elettrica per cessione a terzi”.

Considerato che:

  • l'articolo 3, comma 1 della legge n. 481/95, in relazione a quanto previsto dall'articolo 2, comma 14 della medesima legge, trasferisce all'Autorità le funzioni le funzioni in materia di energia elettrica e gas attribuite dall'articolo 5, comma 2, lettera b) del decreto del Presidente della Repubblica 20 aprile 1994, n. 373, al Ministro dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato, tra cui quelle attribuite in precedenza al Comitato interministeriale dei prezzi;
  • il provvedimento CIP n. 6/92 determina i prezzi di cessione dell'energia elettrica prodotta da impianti installati sul territorio nazionale alimentati fonti convenzionali, rinnovabili e assimilate ai sensi degli articoli 20 e 22 della legge n. 9/91, sulla base delle componenti:
    1. costo evitato di impianto;
    2. costo evitato di esercizio, manutenzione e spese generali connesse;
    3. costo evitato di combustibile (di seguito: componente CEC);
    4. costo correlato ai maggiori costi della specifica tipologia di impianto, limitatamente ai primi otto anni di esercizio;
  • il titolo II, punto 7, lettera b) del provvedimento CIP n. 6/92 prevede che la componente CEC, inizialmente fissata pari a 37 lire/kWh, sia aggiornata dalla CCSE, per ciascun anno, sulla base della variazione percentuale registrata tra il valore medio del prezzo del gas naturale di tale anno, riferito a forniture continue per centrali termoelettriche a ciclo combinato con consumo superiore a 50 milioni di metri cubi, rispetto a quello dell'anno precedente e facendo riferimento, inoltre, all'accordo Snam/Confindustria: "Contratto di lungo termine per la somministrazione di gas  per  la produzione di energia elettrica per cessione a terzi” (di seguito: accordo Snam/Confindustria);
  • l'accordo Snam/Confindustria termina il suo periodo di vigenza il 31 dicembre 2006; e che, pertanto, a partire dall'1 gennaio 2007, verrà a mancare lo strumento di riferimento posto alla base dell'attuale procedura di aggiornamento della componente CEC.

Ritenuto che sia opportuno:

  • avviare un procedimento al fine della formazione di un provvedimento relativo alla determinazione e all'aggiornamento della componente CEC

DELIBERA

  1. di avviare un procedimento al fine della formazione di un provvedimento relativo alla determinazione e all'aggiornamento della componente CEC;
  2. di conferire mandato al Direttore della Direzione Energia Elettrica per i seguiti di competenza;
  3. di pubblicare la presente deliberazione sul sito internet dell'Autorità (www.autorita.energia.it), affinché entri in vigore dalla data della sua pubblicazione.