Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione

Documenti collegati

Provvedimenti

pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 01 giugno 2006
GU n. 150 del 30 giugno 2006

Delibera n. 104/06

Modificazioni ed integrazioni del Titolo 4 dell'Allegato A alla deliberazione n. 48/04, recante disposizioni in materia di adeguatezza della capacità produttiva del sistema elettrico nazionale

L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione 30 maggio 2006

Visti:

  • la legge 14 novembre 1995, n. 481;
  • il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 (di seguito: decreto legislativo n. 79/99);
  • il decreto legislativo 19 dicembre 2003, n. 379 (di seguito: decreto legislativo n. 379/03);
  • il decreto legge 28 maggio 2004, n. 136, recante disposizioni urgenti per garantire la funzionalità di taluni settori della pubblica amministrazione (di seguito: decreto legge n. 136/04);
  • la legge 27 luglio 2004, n. 186, di conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge n. 136/04;
  • l'Allegato A alla deliberazione dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas (di seguito: Autorità) 30 dicembre 2003, n. 168/03, come successivamente modificata ed integrata (di seguito: deliberazione n. 168/03);
  • l'Allegato A alla deliberazione dell'Autorità 27 marzo 2004, n. 48/04, come successivamente modificata ed integrata (di seguito: deliberazione n. 48/04);
  • il documento per la consultazione 18 marzo 2005 recante sistema di remunerazione della disponibilità di capacità produttiva di energia elettrica di cui all'articolo 1 del decreto legislativo 19 dicembre 2003, n. 379 (di seguito: documento per la consultazione 18 marzo 2005);
  • la deliberazione dell'Autorità 11 luglio 2005 n. 140/05 (di seguito deliberazione n.140/05);
  • la deliberazione dell'Autorità 29 dicembre 2005 n. 300/05 (di seguito: deliberazione n.300/05) ;
  • le lettere della società Terna S.p.a.(di seguito: Terna) in data 27 gennaio 2006 (prot. Autorità 002821 del 6 febbraio 2006) e in data 12 maggio 2006 (prot.Autorità 011758 del 15 maggio 2006) di seguito "lettera del 12 maggio”.

Considerato che:

  • con il decreto legislativo n. 379/03, nell'ambito del servizio di dispacciamento, si persegue la finalità di concorrere alla remunerazione della disponibilità di capacità produttiva ai fini del raggiungimento e del mantenimento dell'adeguatezza dell'offerta di energia elettrica nel sistema elettrico nazionale per la copertura della domanda nazionale con i necessari margini di capacità produttiva per far fronte all'aleatorietà della medesima domanda, nell'ambito delle prestazioni di risorse rese al Gestore della rete (oggi Terna);
  • l'adeguatezza dell'offerta di energia elettrica del sistema elettrico nazionale è caratteristica distinta dalla sicurezza di funzionamento del medesimo sistema che, peraltro, viene garantita dal Gestore della rete (oggi Terna); ai sensi del decreto legislativo n. 79/99, anche attraverso l'approvvigionamento e l'utilizzo della riserva operativa che, con decorrenza dalla data di entrata in funzione del dispacciamento di merito economico, viene acquisita con metodi di mercato;
  • l'articolo 5 del decreto legislativo n. 379/03 prevede che l'Autorità definisca il corrispettivo per la remunerazione, per un periodo transitorio con decorrenza 1 marzo 2004 e termine alla data di entrata in funzione del regime di remunerazione, di cui all'articolo 1 del medesimo decreto legislativo, della disponibilità di capacità produttiva ai fini del raggiungimento e del mantenimento dell'adeguatezza dell'offerta di energia elettrica nel sistema elettrico nazionale;
  • in attuazione di quanto previsto all'articolo 5 del decreto legislativo n. 379/03, con deliberazione n. 48/04 l'Autorità ha, tra l'altro, regolato l'approvvigionamento delle risorse a garanzia dell'adeguatezza del sistema elettrico nazionale per il periodo transitorio compreso tra l'1 marzo e l'entrata in funzione del regime di remunerazione di cui all'articolo 1 del medesimo decreto legislativo n. 379/03 e che ad oggi tale regime definitivo non è ancora entrato in funzione;
  • la deliberazione n. 48/04 ha determinato i corrispettivi da riconoscere agli utenti del dispacciamento per la disponibilità della capacità produttiva con riferimento ai periodi compresi tra l'1 marzo ed il 31 dicembre 2004 e successivamente per l'anno 2005;
  • l'articolo 2, comma 1 del decreto legislativo n. 379/03 dispone che l'Autorità definisca i criteri e le condizioni sulla base dei quali il Gestore della rete (oggi Terna) dovrà elaborare una proposta per disciplinare il sistema di remunerazione della disponibilità di capacità produttiva di energia elettrica;
  • le risposte al documento per la consultazione 18 marzo 2005, da un lato, hanno evidenziato elementi di dissenso di alcuni operatori rispetto alle proposte formulate dall'Autorità e, dall'altro, hanno fatto emergere valutazioni molto eterogenee degli operatori circa i criteri e le condizioni che l'Autorità dovrebbe definire;
  • nell'anno 2005 si è registrata una differenza pari a 79,5 milioni di euro tra il gettito disponibile per la remunerazione della disponibilità di capacità produttiva ed i costi a tal fine sostenuti a tal fine dal Gestore della rete (oggi Terna) nel medesimo periodo, di cui 18,7 milioni di euro relativi al gettito GCAP1 di cui all'articolo 35 e 60,8 milioni di euro relativi al gettito Gs di cui all'articolo 36 della deliberazione n. 48/04, come documentato nella lettera di Terna del 12 maggio;
  • con la lettera del 12 maggio Terna ha inoltre comunicato all'Autorità che parte dei residui dei gettiti del GCAP1 e Gs per l'anno 2005, per un ammontare di 73 milioni di euro, risultano ancora nella disponibilità del Gestore del sistema elettrico S.p.A. (di seguito: GSE);
  • la deliberazione n. 48/04, commi 36.3 e 36.4, prevedeva per gli anni 2004 e 2005 un meccanismo di remunerazione della disponibilità di capacità produttiva che utilizzava come prezzo di riferimento il parametro PGn, definito come somma del parametro Ct e di un'altra componente a copertura dei costi fissi di produzione;
  • la deliberazione n. 300/05 ha abolito il parametro Ct, prevedendo tra l'altro il successivo aggiornamento delle disposizioni relative all'approvvigionamento delle risorse a garanzia dell'adeguatezza del sistema elettrico nazionale per il periodo transitorio, di cui alla deliberazione n. 48/04, relative all'anno 2006.

Ritenuto:

  • necessario definire il corrispettivo per la remunerazione della disponibilità di capacità produttiva per il periodo compreso dal 1 gennaio al 31 dicembre 2006 e antecedente l'entrata in funzione del regime di remunerazionedi cui all'articolo 1 del decreto legislativon. 379/03;
  • necessario definire per l'anno 2006 un nuovo prezzo di riferimento, denominato Prif, sostitutivo del PGn, che tenga conto dei costi fissi di produzione già inclusi nel PGn e incorpori una componente indicativa dei costi variabili di produzione;
  • opportuno considerare, in ciascun mese del 2006, come valore di riferimento della componente indicativa dei costi variabili di produzione di cui al precedente alinea, la media aritmetica dei valori orari del prezzo di cui alla deliberazione n.168/03 comma 19.3 lettera c), (PUN) nelle ore off-peak registrati nel medesimo mese;
  • opportuno che il meccanismo transitorio di remunerazione della disponibilità di capacità produttiva per l'anno 2006 sia coerente con  quello operativo negli anni precedenti;
  • opportuno che il gettito disponibile per la remunerazione della disponibilità di capacità produttiva, tenuto conto anche dei residui relativi all'anno 2005, sia ripartito tra lo specifico corrispettivo di cui all'articolo 35 della deliberazione n. 48/04 e l'ulteriore corrispettivo di cui all'articolo 36;
  • opportuno utilizzare, nell'anno 2006, il residuo 2005 relativo al parametro GCAP1 peril finanziamento dello specifico corrispettivo di cui al comma 35.1 della deliberazione n. 48/04 ed il residuo 2005 relativo al parametro Gs peril finanziamento dell'ulteriore corrispettivo di cui all'articolo 36 della medesima deliberazione n. 48/04;
  • necessario che la parte dei residui dei gettiti GCAP1 e Gs del 2005, oggi nella disponibilità del GSE, siano versati a Terna

DELIBERA

  1. di modificare ed integrare l'Allegato A alla deliberazione n. 48/04 nei termini di seguito indicati, con efficacia per l'intero anno 2006:
    • All'articolo 1, dopo l'alinea " ·prelievo residuo di areaè il prelievo residuo di area di cui all'articolo 4 della deliberazione n. 118/03;” è inserito l'alinea:
      ”·   prezzo medio off-peak(m) èlamedia aritmetica del prezzo di cui alla deliberazione n. 168/03, comma 19.3, lettera c), nelle ore di tale mese m denominate off-peak, definite come l'aggregato delle ore dei giorni festivi, del sabato, della domenica, delle ore tra le 0 e le 8 e delle ore tra le 20 e le 24 dei giorni dal lunedì al venerdì;”
    • all'articolo 35, dopo il comma 35.7, è aggiunto il seguente comma:
      "35.8 Terna determina, per l'anno 2006, il valore del parametro GCAP1 tenendo conto che:
      1. la quota del gettito rinveniente dall'applicazione del corrispettivo unitario di cui all'articolo 47, destinata alla copertura degli oneri derivanti dal riconoscimento dei corrispettivi di cui al comma 35.1, è pari al prodotto tra 0,037 centesimi di euro/kWh e la stima dell'energia elettrica prelevata dagli utenti del dispacciamento nel periodo compreso tra l'1 gennaio e il 31 dicembre 2006;
      2. la differenza tra il valore assunto dal parametro GCAP1 nell'anno 2005 e la somma dei corrispettivi di cui al comma 35.1 riconosciuti da Terna per la remunerazione della capacità produttiva nel medesimo anno 2005 è destinata alla copertura degli oneri derivanti dal riconoscimento dei medesimi corrispettivi di cui al comma 35.1 nell'anno 2006;
      3. i corrispettivi di cui al comma 35.1 sono applicati alla disponibilità di capacità produttiva definita ai sensi dell'articolo 31 del presente provvedimento.”
    • all'articolo 36, al comma 36.3, prima delle parole "Il ricavo di riferimento RICR” sono inserite le parole:” Per gli anni 2004 e 2005”;

    • all'articolo 36, dopo il comma 36.3 è inserito il seguente comma:

      "36.3.1    Per l'anno 2006, il ricavo di riferimento RICR, espresso in euro, è pari a:
      formula
      dove:

      • h è un indice che rappresenta ciascuna ora dei giorni critici dell'anno;
      • Pr ifh è il prezzo relativo all'ora h, di cui alla tabella 5 allegata al presente provvedimento;
      • qh è l'energia elettrica venduta nell'ora h nei mercati dell'energia, ivi inclusi i programmi di immissione relativi a contratti di compravendita conclusi al di fuori del sistema delle offerte.”

       

    • all'articolo 36, al comma 36.4, prima delle parole "Il ricavo effettivo RICE” sono inserite le parole:”Per gli anni 2004 e 2005”;
    • all'articolo 36, dopo il comma 36.3 è inserito il seguente comma:

      "36.4.1    Per l'anno 2006, il ricavo effettivo RICE, espresso in  euro, è pari a:
      formula
      dove:

      • h è un indice che rappresenta ciascuna ora nei  giorni critici dell'anno;
      • Peffettivoh è il prezzo medio orario dell'energia elettrica venduta nei mercati dell'energia nell'ora h, ponderato con riferimento all'energia elettrica venduta in tale ora nei mercati dell'energia, ivi inclusi i programmi di immissione relativi a contratti di compravendita conclusi al di fuori del sistema delle offerte;
      • P Rif hè il prezzo relativo all'ora h, di cui alla tabella 1 allegata al presente provvedimento;
      • qh è l'energia elettrica venduta nell'ora h , nei mercati dell'energia, ivi inclusi i programmi di immissione relativi a contratti di compravendita conclusi al di fuori del sistema delle offerte.

       

    • dopo il comma 36.8 sono aggiunti i seguenti commi:

      "36.9       Terna determina, per l'anno 2006, il valore del parametro GS, come differenza tra:

      1. il gettito complessivo rinveniente dall'applicazione del corrispettivo unitario di cui all'articolo 47, applicato all'energia elettrica prelevata dagli utenti del dispacciamento nel periodo compreso tra l'1 gennaio e il 31 dicembre 2006, aumentato delle disponibilità residue di cui al comma 36.10;
      2. il gettito di cui al comma 35.8, lettera a).

       

      36.10 Le disponibilità residue da destinare alla copertura degli oneri derivanti dal riconoscimento dei medesimi corrispettivi di cui al comma 36.5 nell'anno 2006 sono pari alla differenza tra il valore assunto dal parametro GS nell'anno 2005 e la somma dei corrispettivi di cui al comma 36.5 riconosciuti da Terna per la ulteriore remunerazione della capacità produttiva nel medesimo anno 2005.”

    • Al Titolo 4 le parole "Gestore della rete” sono sostituite dalla parola "Terna”;
    • La tabella 1 allegata alla deliberazione è sostituita dalla seguente tabella: Tabella 1 PR ifh

      Fascia oraria

      €/MWh

      Parte fissa

      parte variabile

      F1

      82,99

      prezzo medio off-peak(m)

      F2

      33,39

      prezzo medio off-peak(m)

      F3

      18,07

      prezzo medio off-peak(m)

      F4

      0,00

      prezzo medio off-peak(m)

       

  2. che entro il 31 dicembre 2006 il GSE versi a Terna l'ammontare corrispondente ai residui non distribuiti di GCAP1 e Gs e tutt'oggi nella disponibilità del GSE medesimo;
  3. di pubblicare il presente provvedimento sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sul sito internet dell'Autorità (www.autorita.energia.it), affinché entri in vigore dalla data della sua pubblicazione;
  4. di pubblicare sul sito internet dell'Autorità (www.autorita.energia.it) il testo dell'Allegato A alla deliberazione n. 48/04 come risultante dalle modifiche ed integrazioni introdotte con il presente provvedimento.