Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione

pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 06 febbraio 2006

Questo provvedimento ha esaurito i suoi effetti

Delibera n. 25/06

Parere dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas sugli esiti della procedura di assegnazione dei lotti d'interrompibilità in attuazione del decreto del Ministro della Attività Produttive 20 gennaio 2006

L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 03-02-2006

Visti:

  • la legge 14 novembre 1995, n. 481 (di seguito: legge n. 481/95);
  • il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164 (di seguito: decreto legislativo n. 164/00);
  • il decreto del Ministro delle Attivita Produttive (di seguito: il Ministro) 12 dicembre 2005, di aggiornamento della procedura di emergenza per fronteggiare la mancanza di copertura del fabbisogno di gas naturale in caso di eventi climatici sfavorevoli (di seguito: procedura di emergenza climatica);
  • il decreto del Ministro 20 gennaio 2006 (di seguito: decreto 20 gennaio 2006);
  • la deliberazione dell'Autorita per l'energia elettrica e il gas (di seguito: l'Autorita) 29 dicembre 2005, n. 297/05 (di seguito: deliberazione n. 297/05);
  • la deliberazione dell'Autorita 21 gennaio 2006, n. 10/06 (di seguito: deliberazione n. 10/06).

Considerato che:

  • l'articolo 1 del decreto 20 gennaio 2006 ha previsto, ai sensi dell'articolo 28, comma 3, del decreto legislativo n. 164/00, l'istituzione di un meccanismo di incentivi per l'offerta di interrompibilita aggiuntiva rispetto a quella derivante dall'attivazione dei contratti di fornitura di tipo interrompibile di cui alla fase 2 della procedura di emergenza climatica, sulla base di procedure stabilite dall'Autorita;
  • in attuazione del decreto 20 gennaio 2006 l'Autorita, con deliberazione n. 10/06, ha stabilito disposizioni transitorie ed urgenti per l'assegnazione di incentivi all'offerta di interrompibilita delle forniture di gas;
  • l'articolo 2, comma 7, del decreto 20 gennaio 2006 prevede che l'impresa maggiore di trasporto comunichi al Ministero delle Attivita Produttive (di seguito: il Ministero) e all'Autorita i risultati della procedura di assegnazione e l'ammontare complessivo, ai fini dell'approvazione da parte del Ministero, sentita l'Autorita, e dell'emanazione degli eventuali provvedimenti necessari;
  • l'articolo 5, comma 2, della deliberazione n. 10/06 stabilisce che, ai fini dell'assegnazione definitiva, l'impresa maggiore di trasporto effettua le comunicazioni di cui all'articolo 2, comma 7, del decreto 20 gennaio 2006, segnalando le offerte piu onerose che rappresentino il numero intero piu prossimo al 5% del numero totale delle offerte presentate, che saranno oggetto di eventuale specifica approvazione nell'ambito della procedura di cui all'articolo 2, comma 7, del medesimo decreto;
  • con nota del 2 febbraio 2006 (protocollo Autorita n. 2792 del 3 febbraio 2006) l'impresa maggiore di trasporto, ha trasmesso i risultati della procedura di assegnazione e l'ammontare complessivo di cui all'articolo 5, comma 2 della deliberazione n. 10/06; e che tale procedura e stata organizzata secondo i criteri di pubblicita, trasparenza e non discriminazione previsti dall'articolo 3, comma 1 della deliberazione n. 10/06;
  • con nota del 3 febbraio 2006 (protocollo Autorita n. 2793 del 3 febbraio 2006) il Ministero ha richiesto il parere di cui all'articolo 2, comma 7 del decreto 20 gennaio 2006;
  • le offerte pervenute all'impresa maggiore di trasporto ai fini dell'assegnazione di lotti di riducibilita:
    1. in termini di quantita complessivamente offerte, risultano significativamente inferiori all'ammontare massimo da assegnare di cui all'articolo 2, comma 1 del decreto 20 gennaio 2006;
    2. in termini di corrispettivi di attivazione richiesti, di cui all'articolo 1, comma 1, lettera d), della deliberazione n. 1 0/06, essi risultano piu onerosi rispetto sia agli sconti attualmente riconosciuti alle forniture interrompibili gia attivate nella procedura di emergenza, sia ad altre possibili alternative finalizzate alla riduzione dei consumi di gas o all'aumento delle disponibilita, anche alla luce degli attuali differenziali di prezzo dell'energia elettrica e del gas tra i mercati esteri e il nostro Paese e del differenziale di costo per il ricorso ad altri combustibili sostitutivi; e che, in particolare, le offerte che rappresentano il numero intero piu prossimo al 5% del numero totale delle offerte presentate sono in media sei volte piu costose rispetto alla media delle offerte, a fronte di un contributo in termini di capacita aggiuntive rese disponibili del solo 1%;
  • l'attuale situazione di scarsita di gas per la copertura del fabbisogno del sistema nazionale ha gia richiesto l'attivazione della procedura di cui al decreto ministeriale 12 dicembre 2005.

Ritenuto che:

  • sia opportuno esprimere, ai sensi dell'articolo 2, comma 7, del decreto 20 gennaio 2006, parere favorevole sugli esiti della procedura di assegnazione dei lotti d'interrompibilita in attuazione del medesimo decreto, con le osservazioni che seguono:
    1. l'esigenza di incrementare la sicurezza e l'affidabilita del sistema gas nell'attuale congiuntura puo beneficiare della messa a disposizione di ulteriori quantitativi di forniture interrompibili, in particolare ai fini della copertura di punte di domanda;
    2. l'attivazione di tali disponibilita, tenuto conto del conseguente onere a carico del sistema gas, potrebbe essere utilmente valutato alla luce di misure alternative effettivamente disponibili e del loro costo, e comunque delle esigenze imprescindibili di sicurezza del sistema;
    3. che siano escluse dall'assegnazione definitiva le offe rte che rappresentano il numero intero piu prossimo al 5% del numero totale delle offerte presentate in ragione del loro trascurabile contributo in termini di capacita, a fronte dell'impatto in termini di costo complessivo

DELIBERA

  1. di esprimere, ai sensi dell'articolo 2, comma 7, del decreto del Ministro delle Attivita Produttive 20 gennaio 2006, parere favorevole sugli esiti della procedura di assegnazione di cui all'articolo 5, comma 2, della deliberazione dell'Autorita per l'energia elettrica e il gas 21 gennaio 2006, n. 10/06 trasmessa dell'impresa maggiore di trasporto con nota del 2 febbraio 2006, con le osservazioni di cui in motivazione;
  2. di trasmettere il presente provvedimento al Ministero delle Attivita Produttive.