Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione

Documenti collegati

Comunicati stampa

Provvedimenti

Comunicati e chiarimenti

pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 22 gennaio 2006
GU n. 26 del 01 febbraio 2006

Questo provvedimento ha esaurito i suoi effetti

Delibera n. 10/06

Disposizioni transitorie ed urgenti per l'assegnazione di incentivi all'offerta di interrompibilità delle forniture di gas in attuazione del decreto del Ministro delle Attività Produttive 20 gennaio 2006

L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 21-01-2006

Visti:

  • la legge 14 novembre 1995, n. 481 (di seguito: legge n. 481/95);
  • il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164 (di seguito: decreto legislativo n. 164/00);;
  • il decreto del Ministro delle Attivita Produttive (di seguito: il Ministro) 12 dicembre 2005, di aggiornamento della procedura di emergenza per fronteggiare la mancanza di copertura del fabbisogno di gas naturale in caso di eventi climatici sfavorevoli (di seguito: procedura di emergenza climatica);
  • il decreto del Ministro 20 gennaio 2006 (di seguito: decreto 20 gennaio 2006);
  • la deliberazione dell'Autorita per l'energia elettrica e il gas (di seguito: l'Autorita) 29 luglio 2005, n. 166/05 (di seguito: deliberazione n. 166/05);
  • la deliberazione dell'Autorita 29 dicembre 2005, n. 297/05 (di seguito: deliberazione n. 297/05).

Considerato che:

  • l'articolo 1 della legge n. 481/95 prevede che il sistema tariffario debba, tra l'altro, armonizzare gli obiettivi economico-finanziari dei soggetti esercenti il servizio con gli obiettivi generali di carattere sociale e di uso efficiente delle risorse;
  • l'articolo 8, comma 6, del decreto legislativo n. 164/00 stabilisce che le imprese che svolgono attivita di trasporto garantiscano l'adempimento degli obblighi volti ad assicurare la sicurezza, l'affidabilita, l'efficienza e il minor costo del servizio;
  • l'articolo 1 del decreto 20 gennaio 2006 ha previsto, ai sensi dell'articolo 28, comma 3, del decreto legislativo n. 164/00, l'istituzione di un meccanismo di incentivi per incrementare l'offerta di interrompibilita aggiuntiva sulla base di procedure stabilite dall'Autorita;
  • l'articolo 2 del decreto 20 gennaio 2006 prevede che, nel disciplinare la procedura per l'assegnazione di lotti di interrompibilita aggiuntiva, l'Autorita si attenga a criteri di pubblicita, trasparenza e non discriminazione, anche promuovendo la concorrenza e la pluralita degli assegnatari;
  • l'articolo 2, comma 3, del decreto 20 gennaio 2006 stabilisce che l'applicazione delle procedura di cui al precedente alinea sia affidata all'impresa maggiore di trasporto;
  • l'articolo 2, comma 5, del decreto 20 gennaio 2006 prevede che la procedura concorsuale sia riservata ai clienti finali di tipo industriale connessi alla rete di trasporto, o alle reti di distribuzione, purche essi siano dotati di sistemi di misura e di controllo che consentano la verifica diretta e tempestiva dell'avvenuta interruzione o riduzione dei prelievi;
  • la deliberazione n. 297/05 ha previsto:
    • che, con decorrenza 1 gennaio 2006, i corrispettivi CPe, CPu, CRr, CM, CV e CVp di cui alla deliberazione n. 166/05 siano aumentati del 3,7 per cento;
    • che le maggiorazioni di cui al precedente alinea alimentino un fondo per la promozione dell'interrompibilita del sistema gas (di seguito: fondo) appositamente istituito presso la Cassa conguaglio per il settore elettrico;
    • di definire con successivo provvedimento dell'Autorita, in esito alla definizione di meccanismi di incentivo all'interrompibilita del sistema gas, le modalita di gestione dell'ammontare accantonato nel fondo di cui al precedente alinea.

Ritenuto che:

sia urgente dare attuazione a quanto previsto dal decreto 20 gennaio 2006 prevedendo anche opportuni meccanismi volti ad assicurare la massima eff icacia del provvedimento in termini di beneficio atteso dalla riduzione dei consumi di gas e ad evitare il mancato rispetto degli impegni assunti da parte degli assegnatari.

DELIBERA

Articolo 1
Definizioni
  1. Ai fini del presente provvedimento si applicano le definizioni di cui al decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, le definizioni di cui alla delibera dell'Autorita per l'energia elettrica e il gas 17 luglio 2002, n. 137/02 nonche le seguenti definizioni:
    1. assegnatario: e il cliente titolare di una assegnazione definitiva, ai sensi dell'articolo 2, comma 7, del decreto 20 gennaio 2006, anche in forma congiunta con altri clienti finali;
    2. assegnazione: e l'attribuzione di LR in esito alla procedura di cui al presente provvedimento, a seguito dell'approvazione definitiva di cui all'articolo 2, comma 7 del decreto 20 gennaio 2006;
    3. corrispettivo di disponibilita o CD: e il corrispettivo riconosciuto all'assegnatario di LR, per ogni LR assegnato;
    4. corrispettivo di attivazione o CA: e il corrispettivo riconosciuto all'assegnatario, per ogni LR dei prelievi richiesto dall'impresa maggiore di trasporto ed effettivamente attuato;
    5. intervallo di riduzione: e il periodo pari a 5 (cinque) giorni feriali all'interno del periodo complessivo di attivazione del servizio;
    6. livello di riferimento dei prelievi presso un punto di riconsegna k o QRIFk: e pari alla media dei prelievi giornalieri, effettuati nei giorni feriali nel periodo 1-15 febbraio 2005; nel caso non siano disponibili le misure giornaliere e pari al 4% del prelievo complessivo del mese di febbraio 2005. I suddetti dati sono desumibili dai verbali di misura. In caso di clienti finali rientranti nell'elenco dei clienti con contratto di fornitura interrompibile di cui alla fase 2 della procedura di emergenza climatica, come risultante dal sistema informativo dell'impresa maggiore di trasporto, per il periodo di interruzione attivato nel 200 6 ai sensi della procedura di emergenza, il livello di riferimento dei prelievi presso un punto di riconsegna k o QRIFk e pari alla differenza tra il valore calcolato come sopra e la disponibilita di interruzione inserita nel sistema informativo dell'impresa maggiore di trasporto;
    7. lotto di riducibilita o LR e un lotto con durata di 5 (cinque) giorni feriali, avente un valore di prelievo giornaliero interrompibile di 10.000 Smc/g;
    8. procedura di emergenza climatica: e la procedura di emergenza climatica di cui al decreto del Ministro del 12 dicembre 2005.
Articolo 2
Oggetto e finalita
  1. Il presente provvedimento definisce, per il periodo 6 febbraio - 24 marzo 2006, le modalita di attuazione del meccanismo di incentivi per l'offerta di interrrompibilita aggiuntiva di cui all'articolo 1 del decreto 20 gennaio 2006.
Articolo 3
Compiti del soggetto che organizza la procedura concorsuale
  1. Ai fini dell'assegnazione di LR, l'impresa maggiore di trasporto organizza una procedura concorsuale secondo criteri di pubblicita, trasparenza e non discriminazione.
  2. Ai fini dell'organizzazione delle procedure concorsuali di cui al comma precedente l'impresa maggiore di trasporto pubblica sul proprio sito internet, entro quattro giorni lavorativi dalla data di entrata in vigore del presente provvedimento, un bando che contenga almeno:
    1. la procedura di assegnazione di LR, nel rispetto dei criteri di cui ai successivi articoli 4, 5, 6, 7 e 8;
    2. lo schema delle offerte, integrando ove necessario quanto individuato all'articolo 4, comma 4;
    3. le modalita di attivazione della riduzione dei prelievi e le penali applicate in caso di mancata applicazione dell'interrompibilita assegnata;
    4. i seguenti valori di CD per ogni LR:
      • 15.000 € (quindicimila Euro) per i soggetti disponibili ad essere interrotti su indicazione dell'impresa maggiore di trasporto per tre intervalli di riduzione per l'intero periodo 6 febbraio-24 marzo 2006;
      • 10.000 € (diecimila Euro) per i soggetti disponibili ad essere interrotti su indicazione dell'impresa maggiore di trasporto per due intervalli di riduzione per l'intero periodo 6 febbraio-24 marzo 2006;
      • 5.000 € (cinquemila Euro) per i soggetti disponibili ad essere interrotti su indicazione dell'impresa maggiore di trasporto per un intervallo di riduzione per l'intero periodo 6 febbraio-24 marzo 2006;
      • i valori di cui alla seguente tabella per i soggetti disponibili ad essere interrotti solo in intervalli di riduzione da loro prescelti:
        Periodi 2006 06-10 febbr. 13-17 febbr. 20-24 febbr. 27 febbr.-03 marzo 06-10 marzo 13-17 marzo 20-24 marzo
        CD in Euro

        2.000

        3.000

        3.000

        3.000

        2.000

        1.000

        1.000

Articolo 4
Modalita di partecipazione alla procedura di assegnazione di LR
  1. La partecipazione alla procedura concorsuale per l'assegnazione di LR di cui all'articolo 3 e limitata ai clienti finali di tipo industriale connessi alla rete di trasporto, o alle reti di distribuzione, purche dotati di sistemi di misura e controllo che consentano la verifica diretta e tempestiva dell'avvenuta riduzione dei prelievi in caso di attivazione, fatto salvo quanto disposto all'articolo 2, comma 4 del decreto 20 gennaio 2006 (di seguito: clienti). A tal fine i clienti interessati possono conferire ad un utente della rete di trasporto un mandato vincolante con il quale delegano tale soggetto a rappresentarli nella procedura concorsuale di cui al presente provvedimento e nelle azioni conseguenti.
  2. Ai fini dell'assegnazione di LR, ciascun partecipante alla procedura ai sensi del comma 1 ha diritto a presentare, secondo le modalita indicate nel bando, un'offerta non revocabile, assicurando, nel caso di partecipazione in forma congiunta, il rispetto dei criteri di cui al comma 3 del presente articolo.
  3. Ai fini dell'assegnazione di LR in forma congiunta il partecipante e responsabile anche ai fini dell'articolo 8 degli impegni assunti e assicura per ciascun LR il rispetto dei seguenti criteri:
    1. il numero dei punti di riconsegna e minore o uguale a 5;
    2. il quantitativo minimo di riduzione per ciascun punto di riconsegna e maggiore di 2.000 Smc/g;
    3. la riduzione dei prelievi per ciascun punto di riconsegna e offerta per almeno un giorno.
  4. L'offerta di cui al comma 2 del presente articolo contiene almeno, per ciascun LR richiesto:
    1. i dati identificativi dell'eventuale utente mandatario e del cliente, nonche del responsabile ai fini della procedura nel caso della partecipazione in forma congiunta e di ciascun utente partecipante;
    2. per ciascun cliente, i codici REMI dei punti di riconsegna della rete di trasporto dei clienti al quale si riferisce tale offerta;
    3. l'identificazione, sulla base dello schema di cui all'Allegato 1 della tipologia di offerta e del CA richiesto;
    4. ove il punto di riconsegna non disponga di gruppi di telelettura, la descrizione delle modalita proposte dal cliente al fine di assicurare la verifica diretta e tempestiva dell'avvenuta riduzione dei prelievi in caso di attivazione, che prevedano in ogni caso la comunicazione giornaliera dei consumi;
    5. la dichiarazione da parte dei clienti attestante i prelievi del mese di dicembre 2005 e il livello di riferimento di cui all'articolo 1, lettera f).
Articolo 5
Modalita di assegnazione di LR
  1. Ai fini dell'assegnazione di LR, l'impresa maggiore di trasporto:
    1. verifica che le modalita di cui all'articolo 4, comma 4, lettera d) assicurino la possibilita di una verifica diretta e tempestiva dell'avvenuta riduzione dei prelievi di cui all'articolo 2, comma 5, del decreto 20 gennaio 2006;
    2. ordina le offerte di LR ricevute secondo valori di CA richiesti crescenti, applicando per i soggetti che hanno optato per lo schema 4 dell'Allegato 1 la media aritmetica delle offerte nei diversi intervalli di riduzione per ciascun lotto, fino al raggiungimento di un numero di LR che assicuri un ammontare non superiore al valore di 20 Milioni di Smc/g di cui all'articolo 2, comma 1, del decreto 20 gennaio 2006;
    3. nel caso di offerte di LR con lo stesso valore di CA e/o nel caso si ottengano in esito all'ordinamento di cui alla precedente lettera b) intervalli di riduzione con eccesso di offerta a fronte di intervalli di riduzione con eccesso di domanda, l'impresa maggiore di trasporto ordina le offerte assicurando in via prioritaria il raggiungimento di un numero di LR adeguato per ciascun intervallo di riduzione, nei limiti di cui alla medesima lettera b), e, subordinatamente la minimizzazione del costo complessivo.
  2. Ai fini dell'assegnazione definitiva, l'impresa maggiore di t rasporto effettua le comunicazioni di cui all'articolo 2, comma 7, del decreto 20 gennaio 2006, segnalando le offerte piu onerose che rappresentino il numero intero piu prossimo al 5% del numero totale delle offerte presentate, che saranno oggetto di eventuale specifica approvazione nell'ambito della procedura di cui all'articolo 2, comma 7 del citato decreto.
  3. I soggetti che risultano assegnatari di LR hanno diritto a percepire i CD relativi all'offerta presentata.
Articolo 6
Modalita di attivazione delle riduzioni dei prelievi
  1. Ove il Comitato tecnico di monitoraggio e di emergenza decida l'attivazione delle riduzioni dei prelievi in uno degli intervalli di riduzione, l'impresa maggiore di trasporto seleziona gli assegnatari secondo valori di CA crescenti, nonche secondo i seguenti criteri:
    1. per il primo dei tre periodi previsti dall'articolo 2 del citato decreto, dando priorita alle offerte di cui agli schemi 4 ed 1 dell'Allegato 1;
    2. per il secondo dei tre periodi previsti dall'articolo 2 del suddetto decreto, dando priorita alle offerte di cui agli schemi 4, 1 e 2 dell'Allegato 1.
  2. Ai fini dell'attivazione delle riduzioni dei prelievi secondo le modalita di cui all'articolo 2, comma 11 del decreto 20 gennaio 2006, l'impresa maggiore di trasporto trasmette agli assegnatari interessati la richiesta di riduzione dei prelievi secondo le modalita definite nel bando di cui all'articolo 3, comma 2.
  3. La richiesta di riduzione dei prelievi di cui al comma precedente contiene almeno i seguenti elementi:
    1. gli LR ai quali la richiesta si riferisce;
    2. il periodo di interruzione nel quale l'assegnatario e tenuto a ridurre i prelievi.
Articolo 7
Obblighi e diritti degli assegnatari
  1. L'assegna tario, a seguito di richiesta dell'impresa maggiore di trasporto effettuata secondo le modalita di cui all'articolo 6, e tenuto a ridurre uniformemente i propri prelievi fino ad un livello non superiore alla differenza fra QRIFk e la riduzione dei prelievi indicata nella medesima richiesta.
  2. In caso di richiesta di riduzione dei prelievi, e previo accertamento dell'effettiva riduzione ai sensi del comma 1 del presente articolo, e riconosciuto all'assegnatario un ammontare pari al CA richiesto per ogni lotto di riduzione attivato.
  3. In caso di partecipazione in forma congiunta sono attribuiti ai singoli clienti gli obblighi e i diritti di cui ai commi 1 e 2 del presente articolo, ferma restando la responsabilita del partecipante.
Articolo 8
Penali in capo all'assegnatario in caso di inadempienza
  1. Le modalita di cui all'articolo 3, comma 2, lettera c), prevedono almeno che per ciascun intervallo di riduzione:
    1. se R - E ≤ 0,1 x R, l'assegnatario e tenuto a corrispondere una penale pari al 10% del corrispettivo CA relativo all'intervallo di riduzione;
    2. se 0,1 x R ≥ R-E < 0,5 x R, l'assegnatario e tenuto a corrispondere una penale pari all'intero corrispettivo CA;
    3. se R - E > 05 x R , l'assegnatario e tenuto a corrispondere una penale pari all'ammontare dei corrispettivi CA e CD riconosciuti in assegnazione a qualunque titolo;
      ove :
      • E e la somma delle riduzioni effettive giornaliere rispetto a QRIFk relativamente al medesimo LR; al fine del calcolo di E la riduzione effettiva assume valori non superiori a 10.000 Smc/g moltiplicato per il numero di LR assegnati;
      • R e il prodotto del numero di LR assegnati moltiplicato per il valore di prelievo giornaliero interrompi bile pari a 10.000 Smc/g.
  2. In caso di partecipazione in forma congiunta, le penali di cui al comma 1 del presente articolo sono attribuite a ciascun cliente secondo le modalita di partecipazione specificate nell'offerta di cui all'articolo 4, comma 4, lettera b), ferma restando la responsabilita del partecipante.
  3. L'Autorita potra procedere, anche con la collaborazione della Guardia di Finanza, a verifiche presso gli assegnatari per l'accertamento di eventuali inadempienze.
Articolo 9
Amministrazione del fondo per la promozione dell'interrompibilita del sistema gas
  1. L'impresa maggiore di trasporto, in collaborazione con le altre imprese di trasporto e con le imprese di distribuzione interessate, procede, entro il 15 maggio 2006, all'accertamento di cui all'articolo 7 e trasmette alla Cassa conguaglio per il settore elettrico (di seguito: Cassa), l'elenco dei clienti assegnatari e, per ciascun assegnatario, i dati per la determinazione dei corrispettivi di cui all'articolo 7 e delle penali di cui all'articolo 8.
  2. Entro il 30 giugno 2006 la Cassa riconosce agli assegnatari i corrispettivi di cui all'articolo 7, ed entro il 30 settembre 2006 versa agli assegnatari, anche per il tramite dell'utente mandatario, il 25% (venticinque per cento) dell'ammontare loro dovuto e, entro i sei mesi successivi, l'ammontare restante.
  3. In caso di esito negativo, anche parziale, la Cassa comunica ai soggetti interessati gli importi da versare a titolo di penale; ove tali importi superino i corrispettivi cui l'assegnatario ha diritto, gli assegnatari versano, anche per il tramite dell'utente mandatario, alla Cassa la differenza tra penali e corrispettivi entro il 30 settembre 2006. La Cassa destina i relativi ammontari al fondo per la promozione dell'interrompibilita del sistema gas di cui all'articolo 2 della deliberazione n. 297/05.
Articolo 10
Pubblicazione ed entrata in vigore
  1. Il presente provvedimento, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sul sito internet dell'Autorita (www.autorita.energia.it) entra in vigore dalla data della sua prima pubblicazione.

Allegato 1

Schema 1

Presentazione delle offerte per i soggetti disponibili ad essere interrotti su indicazione dell'impresa maggiore di trasporto, per 3 (tre) intervalli di riduzione per l'intero periodo 6 febbraio-24 marzo 2006.

CD = 15.000 € (quindicimila Euro)


Identificativi del Partecipante CA richiesti in Euro
Lotto 1
Lotto 2
Lotto 3
Lotto 4
&

Schema 2

Presentazione delle offerte per i soggetti disponibili ad essere interrotti su indicazione dell'impresa maggiore di trasporto, per 2 (due) intervalli di riduzione per l'intero periodo 6 febbraio-24 marzo 2006.

CD = 10.000 € (diecimila Euro)


Identificativi del Partecipante CA richiesti in Euro
Lotto 1
Lotto 2
Lotto 3
Lotto 4
&

Schema 3

Presentazione delle offerte per i soggetti disponibili ad essere interrotti su indicazione dell'impresa maggiore di trasporto, per 1 (uno) intervallo di riduzione per l'intero periodo 6 febbraio-24 marzo 2006.

CD = 5.000 € (cinquemila Euro)


Identificativi del Partecipante CA richiesti in Euro
Lotto 1
Lotto 2
Lotto 3
Lotto 4
&

Schema 4

Presentazione delle offerte per i soggetti disponibili ad essere interrotti sulla base di intervalli di riduzione da loro prescelti.

Identificativi del partecipante 6-10 febbraio 13-17 febbraio 20-24 febbraio 27 febbr. -3 marzo 6-10 marzo 13-17 marzo 20-24 marzo
CD 2.000 € 3.000 € 3.000 € 3.000 € 2.000 € 1.000 € 1.000 €
CA richiesti in Euro CA richiesti in Euro CA richiesti in Euro CA richiesti in Euro CA richiesti in Euro CA richiesti in Euro CA richiesti in Euro
Lotto 1
Lotto 2
Lotto 3
Lotto 4
Lotto 5
&