Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione

pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 22 dicembre 2005
GU n. 8, Suppl. Ordinario n. 7 del 11 febbraio 2006

Delibera n. 282/05

Approvazione della suddivisione in zone della rete rilevante ai sensi della deliberazione dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas 30 dicembre 2003, n. 168/03

L'AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 21-12-2005

Visti:

  • la legge 14 novembre 1995, n. 481;
  • il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79;
  • l'Allegato A alla deliberazione dell'Autorita per l'energia elettrica e il gas (di seguito: l'Autorita) 30 dicembre 2003, n. 168/03, come successivamente integrato e modificato (di seguito: deliberazione n. 168/03);
  • il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 maggio 2004 recante criteri, modalita e condizioni per l'unificazione della proprieta e della gestione della rete elettrica nazionale di trasmissione (di seguito: DPCM 11 maggio 2004);
  • la deliberazione dell'Autorita 27 marzo 2004, n. 47/04 (di seguito: deliberazione n. 47/04);
  • la deliberazione dell'Autorita 30 dicembre 2004, n. 250/04 (di seguito: deliberazione n. 250/04);
  • la deliberazione dell'Autorita 29 aprile 2005, n. 79/05 (di seguito: deliberazione n. 79/05);
  • la deliberazione dell'Autorita 28 ottobre 2005, n. 226/05 (di seguito: deliberazione n. 226/05);
  • la deliberazione dell'Autorita 13 dicembre 2005, n. 269/05 (di seguito: deliberazione n. 269/05).

Considerato che:

  • l'articolo 15, comma 15.1, della deliberazione n. 168/03, indica i criteri sulla base dei quali la societa Gestore della rete di trasmissione nazionale Spa (di seguito: il Gestore della rete) - ora Terna - Rete elettrica nazionale Spa (di seguito: TERNA) - predispone la suddivisione della rete rilevante in zone; e che il medesimo articolo stabilisce che la suddivisione zonale cosi determinata ha validita per periodi di durata non inferiore a tre anni;
  • l'articolo 53, comma 53.2, della deliberazione n. 168/03, stabilisce che TERNA, qualora verifichi che la suddivisione della rete rilevante in zone non sia piu coerente con i criteri di cui all'articolo 15, comma 15.1 della medesima deliberazione, definisce e propone all'Autorita per l'approvazione una nuova suddivisione in zone della rete rilevante; e che la modifica cosi introdotta ha validita a partire dall'1 gennaio dell'anno successivo a quello di approvazione fino al termine del triennio di cui al precedente alinea;
  • con la deliberazione n. 47/04 l'Autorita, nell'approvare le regole per il dispacciamento di merito economico, ha per la prima volta approvato la suddivisione in zone della rete rilevante per l'operativita del dispacciamento di merito economico, fissata in data 1 aprile 2004;
  • ai sensi del DPCM 11 maggio 2004, il Gestore della rete ha predisposto il Codice di trasmissione, dispacciamento, sviluppo e sicurezza della rete (di seguito: Codice di trasmissione e dispacciamento), positivamente verificato dall'Autorita, per quanto di propria competenza;
  • la suddivisione della rete rilevante in zone e contenuta nell'allegato A.24 del Codice di trasmissione e dispacciamento, formante parte integrante e sostanziale del medesimo codice;
  • il capitolo 11, punto 11.2, del Codice di trasmissione e dispacciamento fissa le modalita di aggiornamento del predetto codice, stabilendo tra l'altro la possibilita di aggiornare automaticamente il medesimo in esito a "modifiche della normativa approvate dalle autorita o amministrazioni competenti" che incidano sulle disposizioni contenute nello stesso;
  • con lettera in data 6 dicembre 2005 prot. N. TE/P2005004330 - prot. Autorita n. 29 029 del 9 dicembre 2005, TERNA ha trasmesso una proposta modificativa dell'allegato A.24 del Codice di trasmissione e dispacciamento, recante:
    1. la riconfigurazione dei poli di produzione limitata esistenti di:
      • Monfalcone, in seguito all'entrata in servizio dell'impianto di produzione di Torviscosa;
      • Rossano, in seguito all'entrata in servizio dell'elettrodotto a 380 kV Rizziconi-Laino, nonche dell'impianto di produzione di Altomonte;
    2. l'introduzione di un nuovo polo di produzione limitata nell'area di Foggia, a seguito dell'entrata in servizio degli impianti di produzione di Termoli e Candela;
    3. l'introduzione di due nuove zone virtuali estere per consentire la gestione delle congestioni, coerentemente con le modalita vigenti, sulla nuova interconnessione in corrente alternata fra Sardegna e Corsica (collegamento SARCO), la cui operativita e prevista per l'anno 2006;
    4. l'eliminazione del polo di produzione limitato di Piombino, a seguito della modifica dei transiti dovuti all'entrata in servizio di nuove unita di produzione localizzate nella zona Nord;
  • nella lettera di cui al precedente alinea, TERNA ha rappresentato la necessita di procedere all'effettuazione di verifiche di carattere operativo prima dell'entrata in operativita della predette modificazioni.

Considerato che:

  • nella documentazione allegata alla proposta modificativa dell'allegato A.24, TERNA ha evidenziato che l'entrata in servizio, prevista per l'anno 2006, dei nuovi predetti impianti di produzione di energia elettrica e collegamenti puo creare, nelle prevedibili condizioni di funzionamento del sistema elettrico, problemi di congestione nelle attuali zone di mercato, cio determinando la necessita di modificare la suddivisione in zone della rete rilevante nel r ispetto dei criteri di cui all'articolo 15, comma 15.1, della deliberazione n. 168/03, ai sensi dell'articolo 53, comma 53.2, della medesima deliberazione.

Ritenuto opportuno:

  • approvare l'aggiornamento della suddivisione della rete rilevante in zone secondo la proposta formulata da TERNA

DELIBERA

  1. di approvare la suddivisione in zone della rete rilevante come risultante dalla proposta formulata da TERNA con lettera in data 6 dicembre 2005, prot. N. TE/P2005004330 - prot. Autorita n. 29029 del 9 dicembre 2005, relativamente alla:
    1. riconfigurazione dei poli di produzione limitata esistenti di:
      • Monfalcone, in seguito all'entrata in servizio dell'impianto di produzione di Torviscosa;
      • Rossano, in seguito all'entrata in servizio dell'elettrodotto a 380 kV Rizziconi-Laino, nonche dell'impianto di produzione di Altomonte;
    2. introduzione di un nuovo polo di produzione limitata nell'area di Foggia, a seguito dell'entrata in servizio degli impianti di produzione di Termoli e Candela;
    3. introduzione di due nuove zone virtuali estere per consentire la gestione delle congestioni, coerentemente con le modalita vigenti, sulla nuova interconnessione in corrente alternata fra Sardegna e Corsica (collegamento SARCO);
    4. eliminazione del polo di produzione limitato di Piombino, a seguito della modifica dei transiti dovuti all'entrata in servizio di nuovi unita di produzione localizzati nella zona Nord
    stabilendo l'operativita della nuova struttura zonale a partire dall'1 gennaio 2006 fatte salve le opportune verifiche operative da attuare da parte di TERNA come indicate nella citata lettera;
  2. di trasmettere il presente provvedimento al Ministro delle Attivita Produttive e a TERNA;
  3. di pubblicare il presente provvedimento sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana e sul sito internet dell'Autorita (www.autorita.energia.it), affinche entri in vigore dalla data della sua prima pubblicazione.