Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione

Documenti collegati

Comunicati stampa

Provvedimenti

Questo provvedimento ha esaurito i suoi effetti

Delibera n. 164/01

Avvio di istruttoria formale nei confronti della società Italgas Spa ai fini dell'adozione di provvedimenti ai sensi dell'articolo 2, comma 20, lettera c), della legge 14 novembre 1995, n. 481 in merito alla violazione del comma 3.2 dell'articolo 3 della deliberazione dell'Autorità n. 42/99

Pubblicata su questo sito il 3.9.2001, ai sensi dell'articolo 4, comma 4, del decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 2001, n. 244.

L'AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 19 luglio 2001,

Premesso che:

  • l'articolo 3, comma 3.2, della deliberazione dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas (di seguito: Autorità) 14 aprile 1999 n. 42/99 (di seguito: deliberazione n. 42/99), recante direttiva per la trasparenza dei documenti di fatturazione dei consumi di gas distribuito a mezzo di rete urbana ai sensi dell'articolo 2, comma 12, lettere h) e l), della legge 14 novembre 1995, n. 481, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale, Serie generale n. 110, del 13 maggio 1999, prevede che in caso di bollette di conguaglio siano indicate in bolletta le date delle due ultime letture effettive rilevate;
  • nel corso dei controlli tecnici effettuati in data 28 febbraio 2001 presso la sede del Customer Service per l'area Centro Sud di Italgas Spa a Roma e in data 7 marzo 2001 presso la sede del Customer Service Nord di Italgas Spa a Torino con l'obiettivo di verificare le modalità di fatturazione per l'ex esercizio Romana Gas e l'ex esercizio Veneziana gas, è stato accertato, come risulta dalle relazioni di controllo tecnico allegate alla presente proposta di delibera (Allegati n. 1 e n. 2), che le fatturazioni a conguaglio non rispettano quanto previsto dall'articolo 3, comma 3.2, della deliberazione n.42/99;

Visti:

  • la legge 24 novembre 1981, n. 689 (di seguito legge n. 689/81) recante modifiche al sistema penale, e in particolare il capo I, sezioni I e II;
  • la legge 7 agosto 1990, n. 241 (di seguito: legge n. 241/90) recante nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi e successive modificazioni e integrazioni;
  • la legge 14 novembre 1995, n. 481 (di seguito: legge n. 481/95) ed in particolare l'articolo 2, comma 12, lettere h) e n), e comma 20, lettera c);
  • il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 2001, n.244 (di seguito: dPR n. 244/01) recante regolamento recante disciplina delle procedure istruttorie dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas, a norma dell'articolo 2, comma 24, lettera a), della legge 14 novembre 1995, n.481;
  • il provvedimento del Comitato interministeriale dei prezzi 9 dicembre 1988, n. 24/88, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Serie generale n. 292 del 14 dicembre 1988 (di seguito: provvedimento Cip n. 24/88);

Viste:

  • la delibera dell'Autorità 30 maggio 1997, n. 61/97 (di seguito delibera n. 61/97) recante disposizioni generali in materia di svolgimento di procedimenti per la formazione delle decisioni di competenza dell'Autorità, e in particolare l'articolo 4;
  • la deliberazione dell'Autorità n. 42/99;

Viste:

  • la relazione relativa al controllo tecnico presso il Customer Service Centro Sud dell'Italgas Spa del 28 febbraio 2001;
  • la relazione relativa al controllo tecnico presso il Customer Service Nord dell'Italgas Spa del 7 marzo 2001;

Visto il documento "Proposta di delibera per l'avvio di istruttoria formale nei confronti della società Italgas Spa ai fini dell'adozione di provvedimenti ai sensi dell'articolo 2, comma 20, lettera c), della legge 14 novembre 1995, n. 481 in merito alla violazione del comma 3.2 dell'articolo 3 della deliberazione dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas n. 42/99" (PROT.AU/01/227);

Considerato che:

  • nelle fatture di conguaglio non appare riportata la lettura precedente come previsto dall'articolo 3, comma 3.2, della deliberazione dell'Autorità n. 42/99;
  • tale comportamento sarebbe conseguenza del mancato rispetto di quanto previsto dall'articolo 3, comma 3.1.6, del provvedimento Cip n. 24/88, di cui alla proposta di delibera dell'Autorità per l'avvio di istruttoria formale nei confronti della società Italgas Spa ai fini dell'adozione di un provvedimento ai sensi dell'articolo 2, comma 20, lettera d), della legge 14 novembre 1995, n.481, in merito alle modalità di fatturazione dei conguagli dei consumi di gas distribuito a mezzo di rete urbana (PROT. AU/01/220);
  • l'Italgas Spa conguaglia i consumi attribuendoli al periodo che intercorre tra la data di emissione dell'ultima bolletta stimata e la data della lettura (o autolettura);

Ritenuto che:

  • il comportamento descritto sembra integrare la presunta violazione dell'articolo 3, comma 3.2, della deliberazione n. 42/99;
  • sembrano sussistere le condizioni previste dall'articolo 4 della delibera n. 61/97 e dall'articolo 4 del dPR n. 244/01 per l'avvio di una istruttoria formale nei confronti dell'Italgas Spa ai fini dell'adozione di un provvedimento sanzionatorio, ai sensi dell'articolo 2, comma 20, lettera c), con riferimento alla violazione di cui sopra;

DELIBERA

Di avviare un' istruttoria formale, ai sensi dell'articolo 4 della delibera dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas 30 maggio 1997, n. 61/97 e dell'articolo 4, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 2001, n. 244 (richiamato nel seguito come dPR n. 244/01), nei confronti della società Italgas Spa, con sede legale in Torino 10100, via XX Settembre, n. 41, ai fini dell'adozione di un provvedimento sanzionatorio di cui all'articolo 2, comma 20, lettera c), della legge 14 novembre 1995, n. 481, per non avere esposto nelle bollette di conguaglio, come previsto dalla deliberazione della medesima Autorità 14 aprile 1999, n. 42/99, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale, Serie generale, n. 110 del 13 maggio 1999, le date delle due ultime letture;

Di designare il dottor Roberto Malaman, nella sua posizione di direttore dell'Area consumatori e qualità del servizio dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas, quale responsabile del procedimento;

Di designare il prof. Giuseppe Ammassari quale relatore per l'Autorità per l'energia elettrica e il gas;

Di stabilire che il procedimento venga concluso entro 120 (centoventi) giorni dalla data di comunicazione del presente provvedimento;

Di comunicare il presente provvedimento mediante fax con ricevuta di ritorno alla società Italgas Spa con sede legale in Torino 10100, via XX Settembre, n. 41;

Di pubblicare il presente provvedimento nel sito internet dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas www.autorita.energia.it, dando comunicazione dei termini con cui i soggetti interessati ai sensi dell'articolo 5, comma 1, lettera b), del dPR n. 244/01, possono partecipare al procedimento mediante la presentazione di una richiesta scritta contenente gli elementi di cui all'articolo 5, comma 2, lettere a), b) e c), dello stesso decreto;

Di rendere noto che i soggetti che partecipano al procedimento possono chiedere di essere sentiti in audizione finale, ai sensi dell'articolo 10, comma 5, del dPR n. 244/01, entro il termine di 30 (trenta) giorni decorrenti dalla comunicazione del presente provvedimento per i soggetti destinatari ai sensi dell'articolo 4, comma 3, del dPR n. 244/01, e di 30 (trenta) giorni decorrenti dalla pubblicazione della presente delibera per gli altri soggetti legittimati ad intervenire nel procedimento ai sensi dell'articolo 4, comma 4, dello stesso decreto;

Di stabilire che i soggetti interessati di cui all'articolo 5, comma 1, del dPR n. 244/01, possono accedere agli atti del procedimento presso l'Area consumatori e qualità del servizio dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas;

Di rendere noto che le risultanze istruttorie saranno comunicate ai soggetti interessati con un anticipo di almeno 15 (quindici) giorni rispetto ai termini di conclusione del presente procedimento;

Di dare mandato al Presidente per le ulteriori azioni a seguire.