Cerca |  Contatti |  English   

Documenti collegati

Provvedimenti

Domande e risposte

Comunicato

Applicazione del corrispettivo tariffario specifico (CTS) per i clienti produttori

25 giugno 2009

Il testo integrato della regolazione della qualità dei servizio di distribuzione dell'energia elettrica per il periodo 2008-2011 (di seguito: Testo integrato), approvato con la deliberazione dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas 19 dicembre 2007, n. 333/07 e successivamente modificato e integrato, ha confermato ed aggiornato le precedenti disposizioni dell'Autorità in materia di corrispettivo tariffario specifico CTS (deliberazione n. 247/04 e successive modificazione della deliberazione n. 4/04 di regolazione della qualità per il quadriennio 2004-2007).

Il comma 37.2 del Testo integrato definisce le modalità di calcolo del CTS per i clienti finali e per le altre utenze (produttori) MT. Il comma 37.2 prevede, a partire dal 1° gennaio 2009, l'applicazione di un fattore moltiplicativo F nel calcolo del CTS.

Come già indicato nella relazione tecnica della deliberazione n. 246/06, per i clienti che immettono energia in rete e prelevano energia dalla rete (clienti-produttori), il CTS è ottenuto calcolando separatamente la quota relativa all'energia prelevata dalla rete e la quota relativa all'energia immessa in rete e sommando poi tra loro i due contributi. Il valore Pi è pari:

  1. alla potenza disponibile per quanto riguarda il prelievo dalla rete;
  2. alla potenza nominale di impianto, al netto della potenza nominale dei generatori elettrici di riserva, per quanto riguarda l'immissione.

Si precisa pertanto quanto segue:

  1. per i clienti-produttori, al fine di evitare la duplice applicazione della parte di CTS proporzionale ai giorni di connessione attiva, la quota fissa K, in ragione di 1 €/giorno per ogni giorno di connessione attiva, è applicata solo nel calcolo della quota relativa all'energia prelevata dalla rete;
  2. per i clienti-produttori, a partire dal 1° gennaio 2009, si applica separatamente il fattore F riferito alla potenza disponibile per la quota di CTS relativa al prelievo e alla potenza nominale di impianto, al netto della potenza nominale dei generatori elettrici di riserva per la quota di CTS relativa all'immissione.