Cerca |  Contatti |  English   

Documenti collegati

Provvedimenti

Comunicato

Schede tecniche n. 21 e n. 22

Delibera n. 177/05

04 aprile 2006

Con delibera 4 agosto 2005, n. 177/05, rettificata con delibera 12 settembre 2005, n. 187, l'Autorità ha approvato due schede tecniche di quantificazione dei risparmi energetici relative ad interventi di climatizzazione ambienti e produzione di acqua calda sanitaria tramite installazione e gestione di impianti di cogenerazione e sistemi di teleriscaldamento realizzati nell'ambito dei decreti ministeriali 20 luglio 2004.

La corretta applicazione delle due schede tecniche a sistemi che includono impianti per la produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili deve tenere conto di quanto stabilito dalla normativa nazionale in materia di cumulabilità degli incentivi.
A tale proposito il decreto legislativo 29 dicembre 2003, n.387/03, all'articolo 18, comma 1 dispone che "La produzione di energia elettrica da impianti alimentati da fonti rinnovabili e da rifiuti che ottiene i certificati verdi non può ottenere i titoli derivanti dalla applicazione delle disposizioni attuative dell'articolo 9, comma 1, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, ne' i titoli derivanti dall'applicazione delle disposizioni attuative dell'articolo 16, comma 4, del decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164.

In ottemperanza a tale disposizione:

  • le richieste di verifica e certificazione risparmi presentate in conformità con le disposizioni della delibera 18 settembre 2003, n. 103/03 e della delibera n. 177/05 devono in ogni caso prevedere una rendicontazione basata sulla contabilità energetica completa degli impianti, ivi inclusa la produzione totale di energia elettrica;
  • nel caso in cui la richiesta di verifica e certificazione venga valutata positivamente e sia relativa ad un impianto che non produce energia frigorifera e che usufruisce del rilascio di certificati verdi, l'ammontare di risparmi di energia primaria che vengono certificati a fronte della riduzione dei consumi di energia elettrica sarà pari a quello derivante dall'applicazione delle schede decurtato di un ammontare proporzionale alla quota di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili rispetto al totale;
  • il numero di titoli di efficienza energetica di tipo I di cui gli uffici dell'Autorità autorizzeranno l'emissione sarà pari ai risparmi certificati secondo quanto sopra.

Esempio:

Si consideri il caso di un sistema di teleriscaldamento alimentato da un insieme di centrali che producono annualmente, oltre al calore che alimenta la rete, anche 1000 MWh di energia elettrica, di cui 300 MWh da fonti rinnovabili (per i quali vengono rilasciati certificati verdi).
L'ammontare complessivo di risparmi di energia elettrica certificati all'impianto e, conseguentemente, l'ammontare complessivo di titoli di efficienza energetica di tipo I emessi, sarà pari al 70% di quelli che vengono calcolati applicando le schede con un valore di EFe+Ee_immessa = 1000 MWhe.