Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione

Documenti collegati

Provvedimenti

Comunicato stampa

Variazione minima per la tariffa del gas(+0,4%)

Annullato l'effetto petrolio con la riduzione dei costi industriali del servizio

Milano, 23 dicembre 1999

L'Autorità per l'energia elettrica e il gas ha deciso una riduzione del 2,7 per cento della tariffa media nazionale del gas metano per gli usi domestici (cucina e riscaldamento), commercio, artigianato e piccole imprese, tasse incluse. La riduzione compensa quasi completamente l'aumento del 3,1 per cento dovuto al rialzo internazionale del prezzo del petrolio, che trascina quello del gas metano, e al deprezzamento dell'euro rispetto al dollaro.

Per il prossimo bimestre gennaio-febbraio 2000 l'Autorità ha quindi deliberato un aumento medio dello 0,4 per cento, pari ad una maggiore spesa mensile di circa 470 lire, 5.600 su base annua. Senza la riduzione gli aumenti sarebbero stati di 3.730 lire al mese e di 44.800 lire l'anno. I provvedimenti dell'Autorità, di prossima pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, sono disponibili su internet (www.autorita.energia.it).

La riduzione decisa dall'Autorità riguarda la parte di tariffa riferita al rimborso dei costi di trasporto, bilanciamento, stoccaggio e vendita del gas metano sulla rete in alta pressione e riguarda prevalentemente la Snam, che gestisce in Italia oltre il 98 per cento di tali attività. Il trasporto in alta pressione e le attività connesse pesano sulla tariffa amministrata media nazionale per 188 lire al metro cubo cui vanno sommate 155 lire di costo della materia prima, aggiornato ogni due mesi, 200 lire per il costo di distribuzione e vendita sulle reti locali e 500 lire di tasse.

L'Autorità, impegnata nell'attività di controllo e analisi dei costi del servizio in preparazione della riforma complessiva del sistema tariffario del gas metano, ha svolto una preliminare verifica dalla quale è emerso che i costi sostenuti per le attività in alta pressione risultano inferiori rispetto a quanto riconosciuto dalla tariffa attuale. Prevedendo che l'attuazione della riforma comporterà un minor riconoscimento di questi costi almeno pari a quanto già emerso, ed in considerazione dello sfavorevole andamento dei prezzi internazionali, l'Autorità ha ritenuto di dover intervenire con un provvedimento urgente.

Tariffe amministrate. La decisione dell'Autorità ha effetto diretto sulla tariffa finale degli utenti (domestici, commercio, artigianato e imprese con consumi inferiori a 200 mila metri cubi l'anno) e comporta una riduzione permanente di 23,7 lire per metro cubo (27,1 lire è invece l'aumento per il prossimo bimestre dovuto all'andamento dei prezzi della materia prima).

Prezzi sorvegliati. L'Autorità ritiene opportuna la revisione degli accordi collettivi e dei contratti di fornitura stipulati dai produttori di elettricità e dalle associazioni industriali per consumi superiori a 200.000 metri cubi l'anno, e la loro modifica in coerenza con quanto definito per la tariffa amministrata. I nuovi accordi (Snam - Confindustria - Confapi per le forniture al sistema industriale, Snam - Federelettrica - Unapace e Snam - Enel per i consumi termoelettrici) dovranno essere stipulati entro sei mesi e trasmessi all'Autorità.