Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione

Documenti collegati

Doc. di Consultazione

Comunicato stampa

Contratti elettrici: le proposte dell'Autorità su cauzioni, distacchi, rateizzazioni, ricostruzione consumi, letture, fatturazione, penalità, reclami

Milano, 19 novembre 1999

L'Autorità per l'energia elettrica e il gas ha diffuso un documento di proposta sulle condizioni contrattuali del servizio di vendita dell'energia elettrica. Le associazioni dei consumatori, le associazioni ambientaliste, i sindacati e le imprese potranno fornire pareri e osservazioni, anche attraverso audizioni. Già disponibile su internet (www.autorita.energia.it), il documento è anche a disposizione presso la sede dell'Autorità in piazza Cavour 5, Milano e presso l'ufficio di Roma in via dei Crociferi 19.

Le proposte di riforma delle condizioni contrattuali sono parte della complessiva riforma del sistema tariffario elettrico e sono coerenti con le proposte che l'Autorità renderà pubbliche prossimamente sulla continuità del servizio (interruzioni della fornitura) e sulla nuova struttura della tariffa finale.

Le decisioni che l'Autorità adotterà sulle condizioni di fornitura al termine del processo di consultazione si applicheranno a tutti i clienti vincolati, che non hanno la possibilità di scegliersi il proprio fornitore, e a quelli che, pur potendo, non sceglieranno di accedere al mercato libero.

Attualmente le imprese fornitrici decidono autonomamente le condizioni contrattuali che ritengono più adeguate per regolare il rapporto, mentre i consumatori non hanno alcuna possibilità di negoziare le condizioni contrattuali. In questo contesto le condizioni che saranno stabilite dall'Autorità costituiranno clausole minime non derogabili se non a favore degli stessi clienti.

Deposito cauzionale. L'Autorità propone la sostituzione dell'anticipo sui consumi, attualmente richiesto a tutti gli utenti al momento della sottoscrizione del contratto, con un deposito cauzionale a garanzia del corretto comportamento del cliente. L'Autorità ritiene che il deposito non sia dovuto dai clienti domestici che pagano le bollette attraverso domiciliazione bancaria, circa 9 milioni di clienti su 22, che costituisce di per sé garanzia sufficiente.

Procedure di distacco: l'Autorità propone una regolamentazione complessiva della materia, oggi gestita autonomamente dagli esercenti, introducendo anche dei limiti alla possibilità stessa di effettuare i distacchi. In particolare i distacchi non potranno essere effettuati nei giorni festivi e prefestivi e in base a clausole generiche. In caso di contestazioni dovute a malfunzionamenti dei contatori il distacco potrà essere effettuato solo a controversia conclusa. I distacchi dovuti a morosità non potranno comunque essere effettuati per gli usi terapeutici dell'energia o quando il debito sia uguale o inferiore al deposito cauzionale. Gli esercenti multiservizio non potranno distaccare l'energia elettrica agli utenti che non abbiano pagato altri servizi. Prima del distacco è comunque obbligatoria una comunicazione scritta.

Rateizzazioni: l'Autorità propone che nel caso di conguagli particolarmente elevati, gli utenti possano pagare a rate invece che in unica soluzione. Le rateizzazioni saranno anche introdotte per gli utenti in particolari condizioni di indigenza. La rateizzazione fino ad oggi è concessa a discrezione del fornitore.

Ricostruzione consumi: nei casi di malfunzionamento dei contatori, l'Autorità propone che la ricostruzione dei consumi parta dal momento esatto del guasto. Nell'impossibilità di determinare il momento del guasto, la ricostruzione potrà riguardare solo gli ultimi dodici mesi dal giorno dell'accertamento. L'utente avrà trenta giorni di tempo per contestare i risultati della ricostruzione.

Letture: secondo l'Autorità le letture dirette dei contatori da parte del fornitore del servizio devono essere almeno annuali, e dovrà essere reso disponibile un sistema di autolettura. Le imprese che non saranno in grado di offrire l'autolettura dovranno effettuare almeno due letture dirette all'anno.

Fatturazioni: l'Autorità propone l'introduzione di requisiti minimi di trasparenza e chiarezza dei dati riportati in bolletta e di informazioni obbligatorie, analogamente a quanto già disposto per la bolletta del gas. Inoltre l'Autorità propone che la periodicità di fatturazione sia bimestrale per gli utenti domestici e per le attività commerciali in bassa tensione con consumi limitati, mentre sarà mensile per gli altri utenti che hanno consumi più elevati. L'Autorità propone anche di elevare da 15 a 20 giorni il tempo a disposizione per il pagamento delle bollette. Una volta all'anno agli utenti saranno segnalate le variazioni dei consumi rispetto all'anno precedente, allo scopo di sensibilizzarli al risparmio energetico.

Penalità: l'Autorità propone che le penalità in caso di ritardato pagamento siano graduate nel tempo, in modo da salvaguardare i "ritardatari" occasionali. Infatti, per i primi dieci giorni è previsto il pagamento dell'interesse legale, mentre una penalità progressiva sarà applicata solo successivamente. Anche nel caso delle penalità le società oggi decidono autonomamente.

Reclami: l'Autorità propone che l'esercente sia obbligato a rendere nota la possibilità di sporgere reclami predisponendo moduli prestampati da consegnare all'utente alla stipula dei contratti e ogniqualvolta ne faccia richiesta. L'Autorità propone di utilizzare come riferimento il modello definito lo scorso anno dalla Commissione europea.