Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione

Documenti collegati

Provvedimenti

Doc. di Consultazione

Comunicato stampa

Primi provvedimenti dell'Autorità per la liberalizzazione del mercato elettrico: definite le clausole dei contratti bilaterali, avviata la consultazione sulla definizione di cliente idoneo, in preparazione il parere sulla rete di trasmissione

Milano, 18 giugno 1999

Come previsto dal decreto che avvia la liberalizzazione del mercato elettrico, l'Autorità per l'energia elettrica e il gas ha definito le clausole negoziali obbligatorie che devono essere inserite nei nuovi contratti bilaterali di vendita dell'energia elettrica sul mercato libero.

La delibera dell'Autorità, di prossima pubblicazione in Gazzetta Ufficiale ma già disponibile su Internet (www.autorita.energia.it), prevede tre clausole obbligatorie che hanno l'obiettivo di tutelare i clienti nella fase iniziale di sviluppo della concorrenza tra produttori. I contratti dovranno prevedere la facoltà di rescissione unilaterale del contratto con sei mesi di preavviso per i clienti e di un anno per i fornitori; la risoluzione del contratto nel caso in cui il cliente perda il diritto ad operare sul mercato libero; la chiara attribuzione degli oneri del servizio di trasporto dell'energia. Altre clausole negoziali e regolamentazioni tecniche dovranno poter essere inserite nei contratti in tempi successivi, per tenere conto della progressiva evoluzione del mercato elettrico.

Fino a quando non opererà la borsa dell'energia, che renderà trasparenti i prezzi di vendita e di acquisto dell'energia elettrica, i contratti bilaterali stipulati sul mercato libero dovranno essere trasmessi in copia all'Autorità che potrà così valutare il processo di sviluppo della concorrenza.

L'Autorità ha anche avviato la consultazione sullo schema di provvedimento, anch'esso disponibile su Internet, che definisce le modalità di riconoscimento e verifica della qualifica di cliente idoneo e crea un primo elenco. Il riconoscimento della qualifica è necessario per i clienti che, al di sopra delle soglie di consumo previste dal decreto di liberalizzazione, hanno il diritto di operare sul mercato libero dell'elettricità. Il provvedimento si basa sul metodo dell'autocertificazione redatta in base a formulari. Tutti i soggetti interessati hanno tempo fino al prossimo 25 giugno per fornire pareri e osservazioni.

Sempre in esecuzione di quanto previsto dal decreto che liberalizza il mercato dell'elettricità, l'Autorità è impegnata in questi giorni a fornire al Ministero dell'industria il previsto parere sull'ambito della rete nazionale di trasmissione che, pur restando in proprietà agli attuali soggetti, sarà gestita da una società pubblica indipendente.