Cerca |  Contatti |  English   

Documenti collegati

Doc. di Consultazione

Comunicato stampa

Ultime consultazioni sullo schema di provvedimento che fisserà le tariffe di trasporto dell'elettricità

Milano, 02 dicembre 1998

L'Autorità per l'energia elettrica e il gas ha diffuso a tutti i soggetti interessati lo schema del provvedimento che fissa le modalità tecniche ed economiche del trasporto dell'energia elettrica. Il termine per la trasmissione di pareri e commenti è stato fissato al prossimo 15 dicembre. Successivamente il provvedimento sarà perfezionato con l'attribuzione dei prezzi per essere adottato entro il 31 dicembre.

Il provvedimento regola il trasporto dell'energia elettrica su tutte le reti nazionali e si rivolge ai futuri clienti liberi dell'elettricità. Si tratta del primo passo, in linea con quanto previsto dallo schema di decreto Bersani, per l'apertura del mercato interno dell'elettricità.

Le proposte dell'Autorità semplificano e razionalizzano il sistema tenendo conto dei costi effettivamente sostenuti dai gestori delle reti e si raccordano con analoghi provvedimenti di altri paesi per favorire l'interscambio di elettricità.

Nell'alta e altissima tensione il prezzo delle quantità di energia trasportata sarà indipendente dalla distanza, mentre per i trasporti in media e bassa tensione sarà determinato un prezzo aggiuntivo che tiene conto sia di una distanza convenzionale fino al punto di trasformazione in alta e altissima tensione sia delle relative trasformazioni ai diversi livelli di tensione. I criteri adottati favoriscono i clienti lontani dall'impianto di generazione, in particolare nel Mezzogiorno, dove sono meno diffuse le reti di altissima e alta tensione.

Il prezzo del trasporto comprende anche la copertura dei costi d'esercizio del sistema di trasmissione quali la regolazione della tensione e della frequenza, la riserva e l'attività di misura. Le perdite di rete sono compensate con un pedaggio che fa riferimento ad un percorso convenzionale dell'energia elettrica.

Il provvedimento disciplina anche lo scambio di energia tra produttore e clienti (di norma consorzi, ovvero autoconsumi), valorizzando l'energia prodotta in funzione delle fasce orarie di consegna.

Il prezzo del trasporto comprenderà infine una maggiorazione per la copertura degli oneri nucleari e degli incentivi alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e assimilate. L'inserimento di questi costi nella tariffa di trasporto risponde ad un criterio di equità sociale chiamando a contribuire sia i consumatori industriali, che andranno sul mercato libero, sia gli utenti domestici, che resteranno nel mercato vincolato.

L'aggiornamento dei prezzi è previsto al primo gennaio di ogni anno a partire dal 2000 con il metodo del price cap, che prevede un aumento corrispondente al tasso di inflazione dell'anno precedente diminuito di un valore predeterminato di incremento della produttività.