Cerca |  Contatti |  English   
Comunicato stampa

Acqua: approvate le tariffe per 40 milioni di italiani, attivati 4,5 mld di investimenti

Per la prima volta un metodo tariffario omogeneo in tutta Italia - in oltre 400 alle audizioni della III Conferenza nazionale sui servizi idrici

Milano, 24 novembre 2014

Con un metodo per la prima volta omogeneo in tutta Italia sono state approvate le tariffe 2014-2015 per circa 40 milioni di italiani, con oltre 4,5 miliardi di euro di investimenti attivati nei prossimi 4 anni per nuove infrastrutture, tutela ambientale e miglioramento dei servizi, un valore pari  a quello degli impianti finora realizzati; approvazioni che riguardano più di 1.600 gestioni, con un aggiornamento medio rispetto all'anno precedente del +3,9% nel 2014 e del +4,8% nel 2015, con quasi 6 milioni di consumatori che hanno avuto una riduzione del 10% della bolletta.  

Sono alcuni dei risultati dell'azione dell'Autorità per l'energia nel settore dei servizi idrici, presentati nel corso della III Conferenza nazionale sulla regolazione dei servizi idrici che si è svolta oggi a Milano. Un appuntamento promosso dall'Autorità per illustrare il bilancio di un anno di attività[1], delineare le future linee strategiche e confrontarsi con gli oltre 400 partecipanti che hanno preso parte alle audizioni in rappresentanza delle istituzioni coinvolte, degli operatori, dei consumatori e delle associazioni di categoria.   

"In questa prima fase dell'attività dell'Autorità ci siamo focalizzati nel realizzare e applicare un metodo tariffario unico per tutto il Paese, oltre che a completare le informazioni sul settore, e credo che i risultati raggiunti diano ragione a chi ha creduto nella coerenza delle nuove attribuzioni all'Autorità in un settore diverso da quelli iniziali - ha sottolineato il Presidente dell'Autorità per l'energia Guido Bortoni nella sua relazione - la prossima fase sarà ora indirizzata al completamento della regolazione, per consolidare ancor più le condizioni di realizzazione degli investimenti e individuare standard per i servizi capaci di incrementarne la qualità, con particolare attenzione ai bisogni dei consumatori, specie in disagio economico, alla trasparenza della fatturazione e alla qualità ambientale".

Il Metodo Tariffario Idrico (MTI), con cui sono state approvate le tariffe 2014-2015 e che per la prima volta nel Paese ricomprende e assorbe tutte le regolazioni previgenti, rappresenta l'evoluzione del Metodo tariffario transitorio (MTT) utilizzato per il 2012-2013 e si basa su criteri innovativi, fondati sui principi della selettività e della responsabilizzazione, da attuare attraverso una regolazione asimmetrica, capace di adattarsi alle diverse esigenze di un settore molto differenziato a livello locale e nella governance. Nello specifico, sono previsti quattro diversi tipi di schemi tariffari, rispetto ai quali ciascun soggetto competente può individuare la soluzione più efficace a seconda dei propri obiettivi di sviluppo e delle peculiarità territoriali[2]. Le determinazioni tariffarie fino ad oggi approvate sono il risultato delle proposte arrivate dagli Enti d'Ambito e deliberate dall'Autorità in quanto ritenute necessarie a favorire in modo efficiente gli investimenti prioritari per il settore, per raggiungere e mantenere obiettivi di qualità ambientale e della risorsa.

Per quasi 6 milioni di consumatori  di oltre 1.250 gestioni che non hanno inviato, in tutto o in parte, i dati richiesti ai fini tariffari è stata approvata una riduzione della tariffa del 10%.

Il quadro regolatorio introdotto dall'Autorità nel corso del 2014 ha ricevuto importanti conferme anche da parte del Giudice Amministrativo di primo grado. Con oltre 20 sentenze il Tar Lombardia ha infatti respinto i ricorsi contro il metodo tariffario presentati da diversi soggetti che ne reclamavano l'illegittimità rispetto agli esiti del referendum del 2011 o rispetto ad alcuni aspetti strutturali.

Sul fronte consumatori, l'Autorità ha aperto un procedimento per definire la regolazione contrattuale della qualità del servizio idrico, per garantire agli utenti stessi livelli qualitativi in tutto il Paese, superando l'attuale frammentazione. Per quanto riguarda la Carta dei Servizi - la cui pubblicazione è stata resa obbligatoria con la Direttiva per la trasparenza dei documenti di fatturazione -  l'Autorità ha escluso dall'aggiornamento chi non l'aveva adottata.  

A tutela delle fasce in disagio economico è stata poi avviata un'indagine conoscitiva sui diversi sistemi di agevolazione esistenti per chi vive condizioni economiche svantaggiate, propedeutica all'introduzione di misure che assicurino agli utenti domestici a basso reddito l'accesso agevolato alla quantità di acqua necessaria ai bisogni fondamentali. A breve verranno poi definite le necessarie modifiche all'articolazione tariffaria per fasce di consumo o per uso, determinando anche i criteri e le modalità per il riconoscimento di eventuali bonus che saranno previsti dalla normative primaria per chi è in condizioni di disagio economico.

Nel corso del 2014 si è inoltre concluso il procedimento per la restituzione agli utenti della componente tariffaria relativa alla remunerazione del capitale, abrogata in esito al referendum del 2011[3]. Gli importi quantificati dagli Enti d'Ambito e verificati dall'Autorità hanno determinato un rimborso a favore di 14 milioni di utenti domestici, per un valore complessivo di 55 milioni di euro. Nel corso del 2014 anche nel settore idrico sono state avviate le prime ispezioni, con  l'apertura dei primi procedimenti sanzionatori per non rispetto della regolazione.

"La crescente spesa per gli investimenti prevista per mantenere in efficienza la rete idrica risulta comunque molto superiore rispetto ai contributi decrescenti, derivanti dalla finanza pubblica. Per questo rimane necessario che alla regolazione si affianchino ulteriori strumenti di finanziamento delle opere infrastrutturali - ha evidenziato ancora il Presidente Bortoni - è quindi   opportuno quanto deciso con il decreto Sblocca Italia per l'istituzione di uno specifico fondo finalizzato alla promozione degli investimenti per la risorsa idrica, ma rimangono criticità nella mancata previsione di coordinamento con la regolazione dell'Autorità nella definizione dei criteri, delle modalità e dell'entità delle risorse. L'Autorità poi condivide i principi generali che favoriscono i processi di aggregazione sia relativamente all'affidamento del servizio, sia con riferimento ai soggetti gestori. Un processo di aggregazione e di rafforzamento della gestione dei servizi pubblici locali a rete risulta infatti non più procrastinabile - ha concluso Bortoni - non solo per rilanciare gli investimenti, ma anche per eliminare quella polverizzazione che dà luogo ad inefficienze, per indurre una riduzione dei costi oltre che migliori livelli di prestazioni e della qualità dei servizi a beneficio prima di tutto dei consumatori".



[1] Le competenze di regolazione e controllo nei servizi idrici sono state attribuite all'Autorità per l'energia dal dl 201/11 c.d. "Salva Italia" e dal Dpcm 20 luglio 2012.

[2] L'MTI  è impostato in funzione delle decisioni delle Amministrazioni sul fabbisogno di investimenti nei prossimi 4 anni, in rapporto al valore delle infrastrutture esistenti. L'attenzione viene posta sulle ricadute dei diversi interventi sugli attori coinvolti, in termini di efficacia, efficienza e di tre parametri-chiave: la protezione e le garanzie per i consumatori, gli stimoli alla minimizzazione

dei costi per i gestori, la stabilità e l'affidabilità per i finanziatori.

[3] L'importo restituito si riferisce ai 5 mesi trascorsi dall'esito del referendum all'entrata in vigore, il 1 gennaio 2012, del metodo tariffario transitorio (con il quale l'Autorità ha espunto la remunerazione del capitale investito, pur nel rispetto del principio del full cost recovery).


 

Tag: acqua tariffe