Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione

Documenti collegati

Provvedimenti

Comunicato stampa

Gas: al via 60 nuovi controlli ‘a campione’ su qualità e sicurezza

Milano, 01 ottobre 2009

Al via da oggi 1° ottobre la campagna di controlli 2009-2010  dell'Autorità per l'energia, sulla qualità e sicurezza del gas naturale fornito ai consumatori attraverso le reti di distribuzione. I controlli saranno a campione e senza preavviso e verranno effettuati, come previsto dalla delibera Vis 80/09, presso le società di distribuzione in collaborazione con il Comando Unità Speciali della Guardia di Finanza e la "Stazione Sperimentale per i Combustibili".

In particolare, sono previsti 60 accertamenti su tutto il territorio nazionale, con l'obiettivo di verificare il rispetto di parametri particolarmente significativi ai fini della sicurezza nel consumo di gas naturale: potere calorifico,  pressione di fornitura e grado di odorizzazione.

Il gas naturale, infatti, è inodore: occorre quindi aggiungere apposite sostanze per conferirgli un odore caratteristico che consenta di riconoscerne facilmente la presenza ed individuare per tempo  eventuali dispersioni, evitando esplosioni o intossicazioni. Un più frequente controllo dell'odorizzazione del gas ed una conseguente riduzione delle dispersioni  sono quindi  fondamentali per accrescere la  sicurezza nella distribuzione di gas: proprio perchè particolarmente rilevante ai fini della sicurezza, la mancata o insufficiente odorizzazione comporta  responsabilità penali per i distributori.

I controlli sul potere calorifico e la pressione di fornitura sono rilevanti in quanto permettono di determinare il contenuto energetico del gas venduto ai clienti finali, facendo sì che il consumatore paghi sempre il vero valore dell'energia che consuma.

Negli ultimi cinque anni, l'Autorità ha effettuato 260 controlli sulla qualità del gas, articolati in cinque campagne di misura concentrate nella stagione invernale (ottobre-marzo). Le verifiche  hanno  evidenziato 14 casi di violazione dei limiti di legge per l'odorizzazione,  comportando la denuncia dei distributori inadempienti presso le competenti Procure della Repubblica, ad opera degli uffici dell'Autorità.