Cerca |  Contatti |  English   
Comunicato stampa

‘G8 Regolatori', più cooperazione internazionale per mercati energetici sempre più efficienti

Pubblicato il ‘G8+ Energy Regulators Statement' per regolazioni e monitoraggi sempre più efficaci

Roma, 26 maggio 2009

Le Autorità dell'energia e le loro Associazioni internazionali, riunite a Roma su invito del Ministro Scajola, hanno approvato il "G8+ Energy Regulators Statement", un Documento già posto all'attenzione dei Ministri del "G8 energia". Il Documento, pubblicato su sito www.autorita.energia.it, evidenzia segnalazioni ed impegni dei Regolatori per contribuire al superamento della crisi, alla ripresa, allo sviluppo degli investimenti, della qualità, della economicità e sicurezza delle forniture energetiche.

I Regolatori per l'energia sottolineano la necessità di una intensificata cooperazione internazionale per rendere i quadri regolatori sempre più stabili, trasparenti ed armonizzati. Allo stesso tempo i Regolatori offrono a Governi e Parlamenti la loro piena collaborazione nella definizione di accordi istituzionali, soluzioni regolatorie, sistemi di monitoraggio e controllo, piattaforme e meccanismi di mercato adatti a: promuovere nuovi investimenti infrastrutturali ed adeguatezza di offerta; a rendere sempre più efficienti i mercati di elettricità e gas; a mortificare la speculazione dei barili di carta; a formare un mercato petrolifero trasparente, ben regolato ed efficiente di barili veri. Il tutto a crescente vantaggio e tutela dei consumatori.

A proposito del mercato petrolifero, ed in considerazione della forte dipendenza della bolletta italiana dalla notevole volatilità dei suoi alti prezzi, l'Autorità italiana ha ricordato la proposta più volte avanzata durante gli ultimi anni per una prima e rapida iniziativa già a livello UE: l'attivazione una vera borsa del petrolio europea, regolamentata, aperta ad operatori selezionati ed in cui si possano negoziare prodotti standardizzati di lungo o lunghissimo termine (anche 20 o 30 anni), per consegna fisica in Europa e garantiti da una controparte centrale europea particolarmente affidabile (ad esempio BEI o Istituzioni simili). Una proposta per combattere la speculazione, per dare qualche certezza di prezzi contenuti e di ritorno sugli investimenti a lungo termine, per contribuire a formare così anche una maggiore e più adeguata spare capacity mondiale.

Il documento G8 dei Regolatori, richiamando anche la necessità di assicurare adeguati livelli di indipendenza e sindacabilità per il loro ruolo, esprime gratitudine per l'invito del Governo italiano e valuta molto positivamente le iniziative per un uso sempre più efficiente dell'energia, per la rimozione delle barriere che ostacolano i suoi scambi commerciali, per il contrasto alle distorsioni del mercato, per procedure autorizzative semplici, trasparenti e tempestive per la realizzazione delle infrastrutture energetiche.
Nel documento, i Regolatori si impegnano ad assumere, anche collegialmente, un ruolo attivo per la promozione e realizzazione di moderni mercati energetici a livello regionale, per contribuire a raccogliere la sfida contro il cambiamento climatico, per la diffusione delle migliori tecnologie disponibili, per alleviare "la povertà energetica" e tutelare i consumatori più deboli.
Nello stesso documento si evidenzia infine la necessità di divulgare più diffusamente le informazioni circa le migliori pratiche regolatorie e di perseguire l'eccellenza professionale dello stesso personale dei Regolatori, specie di quelli in via di attivazione, attraverso intensificati programmi di formazione e lo sviluppo della Scuola Internazionale di Regolazione, già attivata a Firenze.
"Le attività di regolazione del ventunesimo secolo sono più complesse di quelle passate - ha sottolineato il Presidente dell'Autorità italiana Alessandro Ortis - richiedono strumenti di regolazione e controllo innovativi, nuove forme di collaborazione istituzionale volte alla costruzione di mercati più trasparenti ed efficienti.
"Le Autorità di regolazione dei Paesi del G8 - ha proseguito Ortis - riconoscono l'importanza di una crescente cooperazione internazionale e, raccogliendo anche l'invito della Presidenza italiana del G8, intendono intensificare il loro lavoro comune. Già il prossimo World Forum on Energy Regulation (IV WFER), che si terrà ad Atene il 18-21 ottobre, rappresenterà un'occasione per insistere sul tema della collaborazione internazionale e per sviluppare il dialogo con tutte le parti interessate. Dopo il IV WFER - ha concluso Ortis - i Regolatori predisporranno un rapporto sulle migliori pratiche regolatorie per la promozione dell'efficienza energetica; esso sarà presentato al G8 dei Ministri dell'energia del prossimo anno".