Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione
Comunicato stampa
Sarà aperto per tutto agosto il call center sulla liberalizzazione

Elettricità: 2.000 telefonate in un mese al numero verde per i consumatori

Milano, 06 agosto 2007

Duemila telefonate in un mese al call center sull'apertura del mercato elettrico. E' questo il primo bilancio del numero verde gratuito 800.166.654 che rimarrà aperto anche tutto il mese di agosto dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18. A utilizzare il servizio, promosso dall'Autorità per l'energia elettrica e il gas e gestito dall'Acquirente Unico per illustrare le opportunità della liberalizzazione e dare risposte concrete alle domande dei consumatori, sono stati in netta maggioranza i clienti domestici, con circa i due terzi delle domande formulate rispetto ai clienti "business".

Delle oltre 1.300 chiamate durante l'orario di apertura, circa 1.100 sono diventate una successiva conversazione con l'operatore; alle altre, fatte al di fuori dell'orario di operatività, è stata comunque assicurata una risposta tramite fax o e-mail sulla base delle ‘FAQ - Istruzioni per l'uso' pubblicate sul sito dell'Autorità per l'energia (www.autorita.energia.it).

Le domande più frequenti dei consumatori sono state "Cosa vuol dire che il mercato dell'elettricità è libero?" e "Chi può vendere energia elettrica nel mercato liberalizzato?" e le stesse domande, ma in ordine inverso, sono state le più rivolte anche dai clienti con partita IVA. A seguire, i consumatori hanno poi chiesto chiarimenti, in particolare sulle modalità per cambiare fornitore, su cosa succede se non lo fanno e se il cambiamento può portare vantaggi.

Rispetto alla distribuzione territoriale delle telefonate, le Regioni più reattive sono state la Lombardia e il Lazio, rispettivamente con il 17,5% e il 15%, seguite dal Veneto, l'Emilia Romagna e la Campania. Il primato delle Province va invece a Roma e Milano, con il 18% e il 13% rispettivamente, mentre un numero rilevante di telefonate sono arrivate anche da Genova (6%) e Verona (5%).