Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione

Documenti collegati

Provvedimenti

Comunicato stampa

Elettricità: pronta la ‘tariffa di transizione' per garantire le famiglie

Milano, 14 giugno 2007

Pronta la ‘tariffa di transizione' per l'energia elettrica, da applicare ai clienti domestici dal 1 luglio, in attesa della definizione del futuro assetto tariffario comprensivo della tariffa sociale. L'Autorità per l'energia elettrica e il gas, ha predisposto una tariffa ristrutturata per rendere il sistema più coerente con il mercato liberalizzato, mantenendo, allo stesso tempo, un sistema di garanzie diffuse e una spesa sostanzialmente invariata per le famiglie. La delibera 135/07 è pubblicata sul sito www.autorita.energia.it

La ‘tariffa di transizione', introdotta con la delibera 135/07, è il primo passo di un processo di revisione dell'intero sistema tariffario. Le tappe successive - che sono subordinate alla revisione del quadro normativo di riferimento - riguardano i criteri per la fornitura di energia elettrica e la definizione di un nuovo sistema di tutela sociale (famiglie povere, numerose, malati gravi).

Come funziona la nuova tariffa di transizione

La nuova tariffa di transizione:

Nota - Come funziona l'attuale sistema tariffario
  • · L'attuale sistema tariffario per le utenze domestiche in bassa tensione, prevede tuttora l'applicazione di tariffe differenziate D2 (clienti domestici residenti fino a 3kW di potenza) e D3 (clienti domestici residenti con più di 3 kW e clienti non residenti) che include una sovvenzione incrociata tra clienti relativamente alla componente a copertura dei costi acquisto e vendita dell'energia elettrica. La presenza di tali sussidi su componenti che dall'1 luglio risulteranno contendibili risulta incompatibile con il completamento del processo di liberalizzazione.
  • · La struttura delle attuali tariffe D2 e D3, peraltro, garantisce una tutela generalizzata per i clienti domestici con non più di 3 kW di potenza e consumi medio bassi, nell'abitazione di residenza anagrafica. Tale tutela è ottenuta anche tramite i sussidi incrociata a cui si faceva riferimento nel precedente punto (in pratica, il costo di produzione e vendita dell'energia elettrica di clienti D2 con consumi inferiori a 3.000 kWh/anno è, oggi, in parte sostenuto dai clienti D2 che consumano più di 3.000 kWh e dai clienti D3).