Cerca |  Contatti |  English   
Comunicato stampa
"Politica energetica per l'Europa" della Commissione Europea

Segnalazione di ERGEG agli Stati Membri, al Parlamento ed alla Commissione della UE

Milano, 08 febbraio 2007

Il Gruppo dei Regolatori Europei per l'elettricità e il gas (ERGEG), di cui l'Autorità italiana è membro, ha pubblicato una segnalazione riguardante la recente comunicazione della Commissione Europea (documento "Politica energetica per l'Europa") e il sistema regolatorio necessario per sostenere la realizzazione di un mercato unico e competitivo dell'energia in Europa, nonché per migliorare la sicurezza dei sistemi a rete per elettricità e gas. Il documento è disponibile sul sito www.ergeg.org

ERGEG considera necessario un assetto istituzionale regolatorio basato sui modelli nazionali di successo ed in grado di promuovere investimenti e concorrenza a tutela dei consumatori; ciò raccogliendo le sfide emergenti anche per una integrazione europea dei mercati e delle reti, e un loro funzionamento più efficace, efficiente e sicuro di quello attuale.

ERGEG sottolinea, fra l'altro, l'importanza delle proposte della Commissione formulate per garantire quanto segue:

  • un unbundling efficace - L'unbundling proprietario (separazione proprietaria) delle attività di trasmissione (per gas od elettricità) appare come la soluzione decisamente preferita ed urgente per assicurare: lo sviluppo delle reti di trasmissione; una loro operatività continentale più integrata e sicura; un loro utilizzo, a livello nazionale ed europeo, su basi trasparenti, di terzietà e senza discriminazioni.
  • una regolazione rafforzata e indipendente - Ciò significa: stabilire livelli adeguati, e sempre più armonizzati, di poteri, responsabilità e indipendenza per ognuno dei necessari Regolatori nazionali; la valorizzazione istituzionale del loro Gruppo europeo (ERGEG), già disponibile, per sovrintendere, a livello sovranazionale, allo sviluppo delle reti interconnesse integrate europee dell'elettricità e del gas.

La nuova legislazione EU dovrebbe essere basata su obiettivi di interesse pubblico, definiti dal Consiglio e dal Parlamento europei, anche per un sicuro, efficiente ed integrato funzionamento del sistema europeo di reti nazionali interconnesse. ERGEG sostiene la necessità di :

  1. fissare obblighi e responsabilità comuni, a livello europeo, per l'insieme dei TSOs (Gestori nazionali dei sistemi di trasmissione gas ed elettricità) sia a carattere collettivo (per implementare regole comuni, adatte ad un'integrazione europea di rete) che a carattere individuale (per un buon funzionamento di ognuna delle reti nazionali, conformandosi alle norme comuni UE);
  2. una maggior responsabilizzazione dell'ETSO (Gruppo europeo dei gestori dei sistemi di trasmissione elettricità) e del GIE (Gruppo Europeo delle infrastrutture gas), in parallelo al potenziamento del ruolo di supervisione di ERGEG sul funzionamento delle reti.

Inoltre, vista la portata e l'urgenza delle soluzioni da adottare a livello UE, ERGEG segnala la necessità che siano assunti provvedimenti a breve termine per sostenere le Iniziative Regionali, già lanciate da ERGEG e di cui l'Autorità italiana ha leadership per il Sud Europa, e volte ad agevolare l'integrazione dei mercati nazionali e regionali in Europa.

ERGEG pure ricorda come la recentissima Indagine Settoriale Energia della Commissione Europea, le problematiche invernali vissute per le forniture gas, ed il recente blackout elettrico continentale, evidenzino che è giunto il momento di agire: occorre con sollecitudine una nuova legislazione UE, da implementarsi in ogni Stato Membro, senza i ritardi o le asimmetrie ancora esistenti.




Nota
ERGEG (il Gruppo dei Regolatori Europei per l'Elettricità e per il Gas) è stato istituito dalla Commissione europea nel 2003, come gruppo consultivo sulle questioni del Mercato Interno dell'Energia. ERGEG è l'organismo europeo (partecipato da tutte le Autorità di regolazione per l'energia degli Stati Membri) attraverso il quale viene fornita consulenza ed assistenza alla Commissione.