Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione

Documenti collegati

Provvedimenti

Comunicato stampa
Aggiornate le tariffe per il trimestre ottobre - dicembre 2006

Spesa totale per le famiglie: + 0,7% gas + 0,3% elettricità + 1,6%

Milano, 29 settembre 2006

L'Autorità per l'energia elettrica e il gas ha provveduto all'aggiornamento periodico delle tariffe per il trimestre ottobre - dicembre 2006. I provvedimenti determinano, per le famiglie, aumenti tariffari dello 0,3% per il gas e dell'1,6% per l'elettricità. L'aumento su base annua della spesa media complessiva delle famiglie per il gas e l'elettricità, rispetto al precedente aggiornamento tariffario, risulterà pari a 9,86 euro (+ 0,7%).

Nel trimestre luglio-settembre la volatilità del prezzo del petrolio, che influenza le tariffe dei servizi energetici, è stata particolarmente accentuata: dopo aver raggiunto (8 agosto 2006) il nuovo massimo storico di 78,69 dollari al barile (Brent dated), le quotazioni sui mercati internazionali sono progressivamente diminuite fino a raggiungere, alla fine di settembre, livelli intorno ai 60 dollari al barile. Conseguentemente, sebbene alcune delle voci che compongono le tariffe risentano dei significativi aumenti dei prezzi dei combustibili registrati nei mesi precedenti, l'impatto complessivo sulle tariffe è attenuato da previsioni in calo degli stessi prezzi per il quarto trimestre, rispetto alla media del trimestre precedente.

GAS

Dopo cinque trimestri consecutivi, la componente materia prima della tariffa del gas naturale non aumenta, in quanto i costi correlati ai più recenti andamenti del mercato degli idrocarburi hanno registrato variazioni al di sotto della soglia d'invarianza oltre la quale scattano gli aumenti.
La variazione tariffaria deriva invece da due componenti: un lieve aumento della componente di trasporto, che è stata aggiornata per l'intero anno termico 01/10/06-30/09/07, e una riduzione di minore portata della componente di distribuzione, dovuta alla progressiva eliminazione di alcuni meccanismi di perequazione. E' stato infine mantenuto il parziale conguaglio a favore dei consumatori in base alla delibera 248/04, per le maggiori somme fatturate nel 2005 dai venditori.

L'aumento complessivo, a partire dal 1° ottobre 2006, risulta di 0,24 centesimi di euro/mc; pari allo 0,3% per il settore domestico ed in media nazionale (incluse le imposte) rispetto al trimestre in corso.
Ciò comporta per la famiglia con consumi medi (1.400 metri cubi all'anno) una maggiore spesa annuale di 3,38 euro. Il prezzo finale per chi utilizza meno di 200 mila metri cubi all'anno, definito dall'Autorità e che deve essere obbligatoriamente offerto dai venditori accanto a loro eventuali diverse proposte, è pari a 69,56 centesimi di euro/mc, ed è composto dalle seguenti voci di costo:

ELETTRICITA'

Nel definire trimestralmente la tariffa dei clienti del mercato "vincolato”, l'Autorità si basa:

  1. sui costi d'acquisto dell'energia elettrica sostenuti dall'Acquirente Unico, che opera per conto delle famiglie e dei clienti di minori dimensioni;
  2. sui costi del trasporto, che vengono fissati annualmente imponendo alle imprese recuperi obbligatori della produttività;
  3. sul recupero a consuntivo dello scostamento tra le previsioni e i costi effettivi d'acquisto del periodo precedente;
  4. sulle esigenze di copertura degli oneri generali di sistema (promozione delle fonti rinnovabili e assimilate, ricerca, "stranded costs”, attività nucleari residue, ecc.).

Per il prossimo trimestre due sono le voci che condizionano, in aumento, la tariffa elettrica, entrambe legate alle dinamiche crescenti del costo dei combustibili nei mesi precedenti: l'esigenza di recuperare lo scostamento tra le previsioni e i costi effettivi d'acquisto, e l'esigenza di copertura degli oneri generali previsti per la promozione delle fonti rinnovabili e assimilate (CIP6). Con riferimento a quest'ultima voce, va sottolineato come i meccanismi di aggiornamento delle incentivazioni presentino dinamiche più accentuate rispetto alla crescita media dei costi sostenuti per la produzione di energia elettrica da fonti convenzionali, che, invece, dovrebbe costituire il riferimento naturale per un riconoscimento basato sui "costi evitati”, soprattutto di combustibile. L'Autorità ha avviato un procedimento per eliminare tali distorsioni, ma i provvedimenti relativi potranno esplicare i propri effetti non prima del prossimo anno.

Dal 1° ottobre 2006, rispetto al trimestre in corso, per il settore domestico (con riferimento ad una tipica famiglia con una potenza impegnata di 3 Kw e consumi di 225 kWh mensili) l'aumento della tariffa elettrica, al lordo delle imposte, è pari a 0,25 centesimi di euro per kWh, equivalente al 1,6%. La tariffa in vigore il prossimo trimestre per la medesima famiglia tipo, sarà pari a 15,60 centesimi di euro per kWh, sempre al lordo delle imposte, e determinerà una maggiore spesa di 6,48 euro all'anno.

L'aumento in media nazionale, al netto delle imposte, è pari a 0,22 centesimi di euro per kWh (aumento del 1,7%). In media nazionale la tariffa del mercato vincolato, al netto delle imposte, è pari a 13,40 centesimi di euro per kWh, ed è composta dalle seguenti voci di costo: