Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione
Comunicato stampa

Integrazione dei mercati elettrici europei: l'Autorità ha attivato il Comitato di coordinamento per il Centro-Sud Europa

Roma, 13 aprile 2006

Si è tenuta a Roma la prima riunione del Comitato di coordinamento dei regolatori dell'energia (Regional Co-ordination Committee, RCC), istituito dall'ERGEG (European Regulators Group for Electricity and Gas), per l'integrazione dei mercati elettrici nella regione "Centro-Sud Europa" (comprendente Austria, Francia, Germania, Grecia, Italia e Slovenia). La "leadership" di tale Comitato è stata affidata alla Autorità per l'energia elettrica e il gas. Infatti, l'ERGEG, cioè il gruppo di consultazione istituito dalla Commissione europea che riunisce i regolatori dell'energia della UE, ha affidato al Regolatore italiano l'incarico di coordinare le attività per l'armonizzazione della regolazione per i mercati elettrici del "Centro-Sud Europa".

L'iniziativa è parte del percorso per la realizzazione di un mercato unico europeo dell'energia. Tale percorso prevede una fase intermedia di aggregazione dei distinti mercati nazionali in sette grandi mercati regionali: Centro-Ovest, Nord, Regno Unito e Irlanda, Sud-Ovest, Centro-Est, Baltico, e Centro-Sud. Oltre ad accelerare l'integrazione, ciò permetterà una più ampia tutela dell'interesse dei consumatori; infatti, l'integrazione progressiva dei mercati e lo sviluppo della competizione tra gli operatori porterà a massimizzare i benefici per i consumatori, assicurando loro una maggiore libertà di scelta.

All'incontro, che costituisce il "kickoff event" per i lavori dedicati al Centro-Sud, hanno partecipato, oltre all'Autorità italiana, la Commissione Europea e le Autorità di regolazione di Austria, Francia, Germania, Grecia e Slovenia. E' stato discusso l'allargamento del gruppo di coordinamento anche ai rappresentanti della Svizzera, considerata l'importanza che tale Paese assume nel sistema di interconnessione elettrica della regione. La riunione ha permesso di identificare le principali aree di criticità che ostacolano il rapido sviluppo del processo verso una maggior liberalizzazione, armonizzazione ed integrazione del mercato. I partecipanti al Comitato approfondiranno innanzitutto i problemi connessi con il "cross border trading" e con l'armonizzazione dei metodi per l'allocazione dei diritti della capacità di trasporto sulle reti d'interconnessione.

Le prossime riunioni di lavoro sono state programmate per i prossimi due mesi con la finalità di giungere a un documento comune. Tale primo rapporto sull'iniziativa verrà poi presentato nell'ambito dei lavori del "Forum di Firenze", previsto dalla Commissione Europea per settembre di quest'anno.

L'iniziativa dell'ERGEG per i "mercati regionali", in aggiunta ai Comitati di coordinamento per l'elettricità, prevede di attivare a breve anche analoghi Comitati per il settore del gas naturale.