Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione
Comunicato stampa

Euro energia: affidata al Regolatore italiano la responsabilità di guidare l'integrazione regionale tra i mercati elettrici dell'Austria, Francia, Germania, Grecia, Slovenia, Italia ed anche della Svizzera.

Promossi 7 mercati regionali dell'elettricità, per accelerare la creazione di un singolo mercato Europeo

Milano, 27 febbraio 2006

L'European Regulators Group for Electricity and Gas (ERGEG), cioè il gruppo di consultazione istituito dalla Commissione europea che riunisce i regolatori dell'energia della UE, ha affidato al Regolatore italiano, l'Autorità per l'energia elettrica e il gas, l'incarico di guidare l'armonizzazione della regolazione per i mercati elettrici del "Centro-Sud Europa", vale a dire Austria, Francia, Germania, Grecia, Slovenia, Italia, ed eventualmente anche la Svizzera.

L'iniziativa è parte fondamentale del progetto di realizzazione di un singolo mercato Europeo dell'energia. Il percorso individuato prevede una fase intermedia di aggregazione dei distinti mercati nazionali in sette grandi mercati regionali ed una più ampia tutela dell'interesse dei consumatori: l'integrazione dei mercati e lo sviluppo della competizione tra le imprese permetterà, infatti, di massimizzare proprio i benefici dei consumatori finali europei assicurando loro una maggiore libertà di scelta. Oltre alla regione "Centro-Sud Europa" affidata all'Autorità italiana, vi saranno sei altre regioni europee:

Compito principale del lavoro coordinato dall'Autorità italiana sarà quello di identificare le barriere ancora esistenti nei processi competitivi e di formulare proposte per superare le stesse, al fine di promuovere così un mercato regionale denominato "Centro-Sud Europa", nella prospettiva di una completa integrazione a livello UE dei sette mercati regionali.

Il primo rapporto sull'iniziativa verrà presentato nell'autunno di quest'anno, nell'ambito dei lavori del "Forum di Firenze", previsto dalla Commissione Europea.

La documentazione è disponibile sul sito www.ergeg.org.