Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione

Documenti collegati

Doc. di Consultazione

Comunicato stampa

Stoccaggio di gas naturale: consultazione sugli obblighi di modulazione

Milano, 14 dicembre 2005

L'Autorità per l'energia elettrica e il gas ha avviato il processo per la definizione degli "obblighi di modulazione" (funzione primaria tra quelle svolte dai depositi per lo stoccaggio del gas naturale) per la tutela dei clienti domestici. L'Autorità propone, a partire dall'anno termico 2006-2007, procedure trasparenti, imparziali e non discriminatorie per l'accesso alle capacità di stoccaggio. Il documento per la consultazione è disponibile sul sito www.autorita.energia.it

Si ricorda che gli stoccaggi sono quei "depositi" sotterranei necessari per adeguare la risposta dell'offerta alle esigenze periodiche del mercato: i consumi di gas naturale, infatti, sono molto più elevati nella stagione invernale rispetto a quella estiva. La funzione dello stoccaggio può essere stagionale o di picco, e risponde alle esigenze di soddisfare la variabilità della domanda (modulazione), cui non può fare fronte esclusivamente il sistema di trasporto attraverso la variazione, entro i limiti consentiti, della pressione di esercizio della rete. Gli stoccaggi stagionali (che possono anche avere un ruolo di riserva) devono essere in grado di contenere grandi quantità di gas che vengono immesse durante i periodi di bassa domanda per essere poi prelevate gradualmente durante i periodi di forte domanda. Quelli di punta consentono invece il rilascio di quantità significative in tempi brevi, ma contengono generalmente quantità limitate di gas naturale.

Nel documento per la consultazione si illustrano i criteri e le proposte riguardanti la metodologia per la determinazione delle capacità di stoccaggio necessarie al servizio di modulazione stagionale e di punta, nonché le modalità con le quali le imprese di stoccaggio devono provvedere al conferimento delle predette capacità, applicando priorità fondate su criteri oggettivi. La metodologia proposta prende lo spunto dai risultati di uno studio attuato dalla società CESI SpA che, per l'inverno mediamente rigido e per quello rigido con frequenza ventennale, determina le previsioni per il consumo stagionale e il consumo giornaliero dei clienti "domestici".

I soggetti interessati sono invitati a far pervenire all'Autorità le loro osservazioni e proposte entro e non oltre il 20 gennaio 2006.