Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione

Documenti collegati

Provvedimenti

Comunicato stampa

Certezza tariffaria a tutela dei consumatori: l'Autorità ordina ad alcune imprese di distribuzione del gas di applicare esclusivamente le tariffe approvate

Milano, 29 settembre 2005

L'Autorità per l'energia elettrica e il gas ha ordinato ad alcune imprese, che non lo hanno ancora fatto, di applicare, per la componente distribuzione su reti locali, le tariffe disposte dall'Autorità lo scorso anno. Vengono così rafforzate la tutela dei consumatori, le certezze per il mercato e per le imprese di vendita. Il provvedimento è disponibile sul sito www.autorita.energia.it

Gli uffici dell'Autorità hanno concluso una ricognizione volta a verificare lo stato dell'applicazione delle tariffe approvate o determinate dalla stessa Autorità nel settembre 2004. Da tale ricognizione è emerso che almeno 69 imprese di distribuzione del gas, corrispondenti a un significativo numero di clienti finali (pari a circa 5,7 milioni, un terzo del totale), non hanno ancora provveduto ad applicare le tariffe, praticando invece condizioni di norma più elevate, e determinando maggiori costi per una parte degli utenti e maggior incertezza per le imprese di vendita.
Allo scopo di porre fine alla situazione descritta, l'Autorità ha pertanto assunto la decisione di ordinare alle imprese di distribuzione inadempienti l'applicazione obbligatoria delle tariffe approvate a partire dalle fatturazioni emesse quindici giorni dopo la notifica del provvedimento, riservandosi, in caso di inadempienza, successivi provvedimenti sanzionatori.

Circa la validità delle tariffe per le quali l'Autorità ha emesso l'ordine di applicazione, si ricorda che, con una sentenza del 16 febbraio 2005, il Tar Lombardia ha annullato parzialmente la deliberazione dell'Autorità che stabilisce le modalità di determinazione delle tariffe di distribuzione del gas naturale nel periodo regolatorio 1° ottobre 2004 - 30 settembre 2008. Il 31 marzo 2005, quindi, l'Autorità aveva disposto che, fino alla approvazione delle nuove tariffe da rideterminare in accordo alla sentenza, le imprese di distribuzione dovessero continuare ad applicare la disciplina prevista dalla citata delibera dell'Autorità, con il fine di garantire certezza tariffaria, e fatte salve eventuali possibilità di un successivo conguaglio. L'omessa applicazione delle tariffe di distribuzione approvate o determinate dall'Autorità pregiudica infatti i diritti dei clienti finali. La legittimità di tale disposizione dell'Autorità trova anche fondamento nella successiva sentenza del Tar Lombardia n. 3403/05.