Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione

Documenti collegati

Doc. di Consultazione

Comunicato stampa

Consultazione dell'Autorità su possibili misure per aumentare la concorrenza nel mercato elettrico

Milano, 07 maggio 2005

L'Autorità per l'energia elettrica e il gas ha diffuso un documento per la consultazione che illustra e motiva agli operatori interessati una serie di possibili misure per promuovere la concorrenza nel mercato dell'energia elettrica e limitare l'eventuale esercizio di potere di mercato da parte di produttori dominanti. Gli interessati potranno inviare le proprie osservazioni e proposte entro il prossimo 10 giugno. Il documento è disponibile sul sito www.autorita.energia.it

Le misure delineate dall'Autorità costituiscono il naturale seguito dell'indagine conoscitiva sullo stato della liberalizzazione del mercato elettrico condotta congiuntamente con l'Autorità garante della concorrenza e del mercato, conclusasi e resa pubblica lo scorso 10 febbraio. Dall'indagine è infatti emerso che il mercato elettrico nazionale è caratterizzato da elementi di grave criticità in termini di concorrenza e di efficienza, e che tale situazione non pare destinata a mutare significativamente nei prossimi 2-3 anni. In particolare, nel settore della produzione, l'operatore dominante Enel è in grado di determinare il prezzo dell'energia elettrica nel sistema delle offerte in quanto operatore indispensabile al soddisfacimento della domanda in tutte le zone del Paese (in Sardegna unitamente ad Endesa).

Il documento passa in rassegna una serie di possibili interventi, già sperimentati in varia modo a livello internazionale, che prevedono: a) l'eventuale cessione a terzi di capacità produttiva dell'operatore dominante; b) la cessione a terzi della sola disponibilità di capacità produttiva; c) interventi di regolamentazione delle unità di produzione essenziali per la sicurezza del sistema elettrico (centrali indispensabili per la copertura della domanda e la cui produzione determina significativamente il prezzo dell'elettricità all'ingrosso).

Nell'attuale contesto di mercato le preferenze dell'Autorità vanno agli interventi del tipo b) e c), sia in considerazione della significativa entità che dovrebbe avere l'eventuale cessione di proprietà di impianti, sia per il rischio di un eccessivo frazionamento della produzione in capo ad una pluralità di produttori, essendo tale attività caratterizzata da economie di scala, in termini di approvvigionamento dei combustibili e commercializzazione dell'energia prodotta.

Le proposte inerenti la cessione temporanea di disponibilità di capacità produttiva e l'affidamento parziale al Gestore della rete delle centrali critiche per la sicurezza del sistema con una regolamentazione dei relativi ricavi, permettono invece di accompagnare la naturale evoluzione del mercato nazionale, caratterizzato da un imponente rinnovo del parco centrali, ad opera di operatori diversi dal dominante, che, come auspicato, potrà manifestare appieno tutti i suoi effetti pro concorrenziali al di là dei prossimi due o tre anni.

Le misure indicate come preferibili dall'Autorità tengono primariamente conto dell'interesse dei consumatori per le riduzioni dei prezzi che potranno determinarsi con un mercato della produzione elettrica maggiormente concorrenziale, salvaguardando comunque obiettivi ragionevoli di equilibrio economico-finanziario delle imprese.