Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione

Documenti collegati

Provvedimenti

Comunicato stampa

Intervento formale dell'Autorità per garantire il libero accesso alle reti di distribuzione del gas

Definito il caso della Energas/ Compagnia Generale Metanodotti

Milano, 22 settembre 2003

L'Autorità per l'energia elettrica e il gas ha concluso la prima istruttoria formale avviata per tutelare i nuovi venditori che si affacciano sul mercato libero del gas naturale. In questi primi anni di apertura alla concorrenza del mercato del gas sono stati denunciati all'Autorità diversi casi di rifiuto ingiustificato d'accesso da parte dei titolari delle reti locali.

I casi segnalati spesso si sono risolti con interventi informali dell'Autorità; in altri casi, come in questo, è stato necessario l'espletamento di una procedura formale che ha riguardato la Compagnia Generale Metanodotti (una società di distribuzione del gas naturale che gestisce circa 2500 utenti nella provincia di Piacenza). Energas, uno dei primi dieci nuovi grossisti e importatori indipendenti di gas naturale del nuovo mercato liberalizzato del gas, aveva segnalato all'Autorità di aver ricevuto un rifiuto di accesso alla rete, argomentato sulla base di un apparente insufficienza di capacità nella fornitura a un precedente cliente della Compagnia che aveva deciso di cambiare fornitore. Pur negando l'accesso alla rete, la Compagnia Generale Metanodotti aveva però continuato a fornire gli stessi quantitativi di gas al cliente attraverso la propria consociata di vendita Gas Sales.

A conclusione dell'istruttoria, in cui sono stati sentiti più volte in audizione tutti i soggetti coinvolti, l'Autorità ha ordinato alla Compagnia Generale Metanodotti di consentire l'acceso al servizio di distribuzione a Energas e di relazionarne all'Autorità stessa entro 30 giorni. Con la stessa delibera l'Autorità ha inoltre aperto un'istruttoria formale che potrebbe concludersi con l'adozione di una sanzione ai danni della società di distribuzione per violazione delle disposizioni date dall'Autorità per i conferimenti di capacità nel caso di trasferimento del cliente da un fornitore all'altro.