Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione

Documenti collegati

Provvedimenti

Comunicato stampa

Precisazioni dell'Autorità sulla riforma della tariffa elettrica

Milano, 24 settembre 2001

L'Autorità per l'energia elettrica e il gas precisa che la deliberazione n.163/01, pubblicata sul sito Internet dell'Autorità (www.autorita.energia.it) lo scorso 19/07/2001 ha aggiornato alcune componenti della tariffa per l'anno 2002 nel quadro della riforma tariffaria avviata nel dicembre 1999.

Tale riforma prevede, per l'utenza domestica, un meccanismo che consentirà di superare l'articolazione del sistema tariffario precedente evitando che una parte degli utenti sostenga, di fatto, i costi originati da altri. Così facendo tutti gli utenti domestici pagheranno il costo effettivo del servizio ricevuto.

L'aumento della quota fissa previsto dalla deliberazione n. 163/01 si inquadra in questo meccanismo di riequilibrio tariffario ed è accompagnato da una riduzione della parte variabile per gli utenti che sostengono costi più alti. L'aggiornamento delle tariffe per l'anno 2002 porta ad un livello di tariffa media pagata dagli utenti domestici sostanzialmente identico a quello del 2001, al netto dell'andamento dei prezzi del combustibile.

Contestualmente al riequilibrio delle tariffe, l'Autorità introdurrà un sistema di tutela degli utenti disagiati definendo una tariffa sociale, con prezzi ridotti sia nella quota fissa che in quella variabile.

Rispetto al precedente sistema l'innovazione è sostanziale: prima della riforma tariffaria l'agevolazione non era riservata a chi realmente era economicamente disagiato, ma era diffusa a tutti gli utenti in base ai consumi. La nuova tariffa sociale sarà invece strutturata in maniera mirata e sarà riservata agli utenti realmente bisognosi, con sconti commisurati anche al numero dei componenti della famiglia. Per individuare gli utenti realmente bisognosi, l'Autorità farà riferimento all'indicatore di situazione economica equivalente (ISEE), predisposto ai sensi del decreto legislativo n. 109/98.