Emblema della Repubblica Italiana
Cerca |  Contatti |  English   
 
Menu di navigazione
Comunicato stampa

Nuova proroga dei termini delle aste per le importazioni di elettricità

Milano, 20 ottobre 2000

L'Autorità per l'energia elettrica e il gas ha deciso di prorogare dal 23 ottobre al 6 novembre il termine per la presentazione al Gestore della rete di trasmissione nazionale delle richieste di importazione di energia elettrica dall'estero. Dalla nuova data decorrono i quindici giorni entro i quali il Gestore provvede, tramite asta, ad assegnare i diritti di transito sulle linee transfrontaliere. La delibera è pubblicata sul sito internet dell'Autorità: www.autorita.energia.it.

Come già in occasione della precedente proroga (dal 16 al 23 ottobre), la decisione intende favorire la conclusione delle trattative avviate dal Gestore italiano con quelli di Francia, Svizzera, Austria e Slovenia per una gestione congiunta dell'assegnazione della capacità di interconnessione disponibile sulle frontiere.

Lo scorso 12 ottobre l'Autorità aveva definito le regole da seguire in caso di mancato accordo sulle condizioni di reciprocità che prevedono: il costo di trasporto dell'energia elettrica sulle reti interne dei Paesi coinvolti, di cui due non appartenenti all'Unione Europea, non deve essere "significativamente superiore" al costo del trasporto in Italia e l'accesso alle reti deve essere garantito a tutti gli operatori, anche di Paesi terzi, a condizioni non discriminatorie. In assenza di accordo con uno o più gestori, è stato stabilito che la loro capacità di interconnessione alla rete italiana venga messa a disposizione degli altri gestori, nel rispetto della salvaguardia della sicurezza del sistema elettrico. (Delibera n. 187/00)


Altre delibere dell'Autorità disponibili su internet e pubblicate in Gazzetta Ufficiale riguardano:


Terremotati di Umbria e Marche. L'Autorità ha esonerato dal pagamento dei contributi di allacciamento dell'elettricità gli assegnatari di alloggi provvisori le cui abitazioni sono state gravemente danneggiate dagli eventi sismici di Umbria e Marche dopo il 26 settembre 1997 e ha stabilito che agli stessi soggetti sia applicata la tariffa residenti, più economica rispetto a quella per non residenti. (Delibera n. 181/00)

Oneri generali di sistema. L'Autorità ha stabilito che gli oneri generali di sistema (incentivazione fonti rinnovabili e assimilate, smantellamento centrali nucleari, attività di ricerca e sviluppo) non sono dovuti per i consumi di energia elettrica eccedenti gli 8 milioni di kWh al mese (grandissimi consumatori industriali). Il provvedimento entrerà in vigore il prossimo primo novembre, in occasione dell'aggiornamento bimestrale delle tariffe. (Delibera n. 180/00)

Imprese elettriche minori. L'Autorità ha modificato il sistema di riconoscimento dei costi di combustibile alle 17 imprese elettriche minori (prevalentemente piccole isole) che non furono nazionalizzate e che distribuiscono circa 200 milioni di kWh all'anno (0,7 per cento dei consumi nazionali). Il nuovo sistema utilizza gli stessi criteri di aggiornamento bimestrale in vigore per le imprese maggiori, mentre il precedente era basato su di un sistema di conguagli che ritardava il rimborso. (Delibera n. 182/00)